Vita monastica e noviziato

01 / 04

Noviziato 4
Abbazia di Admont - Monaci nel museo © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nella biblioteca del monastero © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nel rosario © Stefan Leitner

Vivere in comunità

La nostra vita comunitaria è organizzata secondo la Regola di San Benedetto, adattata al nostro tempo e ai compiti derivanti dalla missione del monastero.

Abbazia di Admont - Foto di gruppo del convento 2024

Per saperne di più sulla vita in comunità

Cercare Dio è il primo e più importante compito di ogni monaco, ma come benedettini non dobbiamo farlo come "combattenti solitari", ma sappiamo di essere sostenuti dalla comunità dei fratelli. Questo può essere sperimentato in particolare quando si prega nel coro, si celebra la Santa Messa, ci si siede insieme a tavola, si condivide, si celebrano le feste, si fanno escursioni, ci si visita a vicenda e ci si prende cura dei fratelli anziani e malati, a volte anche con una bella chiacchierata e un "bicchiere di vino".

Abbazia di Admont - Monaci nella chiesa dell'Abbazia di Admont © Stefan Leitner
scatti esterni @Thomas Sattler 9 in scala
scatti esterni @Thomas Sattler 5 e1634723428147
LEI1509 e1648757283939
Abbazia di Admont ©Thomas Sattler 3 in scala
P. Massimiliano Schiefermueller Abbazia di Admont Marcel Peda
DSC5492 copia scalare
Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon © Thomas Sattler
Professione U00A9Thomas Sattler 2
frater Vinzenz C Thomas Sattler in scala
Servizio in chiesa 27.3.2022
Professione U00A9Thomas Sattler
shutterstock 57372331 in scala
Abbazia di Admont ©StefanLeitner 016
Abbazia benedettina di Admont Professione solenne fr. Matthaeus Konieczny 4
Frater Rupert ©Thomas Sattler 2
Abbazia di Admont AbateGerhard@Marcel Peda 6
Chiesa abbaziale di Admont © Thomas Sattler
Noviziato 2
Noviziato 3
Abbazia di Admont ©StefanLeitner 017
Abbazia di Admont - Monaci nel Museo di Storia dell'Arte © Stefan Leitner
Abbazia di Admont ©StefanLeitner 025
Padre Priore 1
Abbazia benedettina di Admont - Padre Priore Maximilian Schiefermüller © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nella chiesa dell'Abbazia di Admont © Stefan Leitner
Professione U00A9Thomas Sattler

Come si diventa monaci?

Gli uomini che desiderano conoscere la nostra vita di monaci benedettini e sono interessati alla Regola di San Benedetto sono cordialmente invitati a visitare Admont.

Ingresso del monastero

Voti religiosi

Il voto religioso è fatto di costanza, stile di vita monastico e obbedienza.

Il voto

Abbazia di Admont ©Thomas Sattler 11 in scala

Monastero temporaneo

Un monastero vive grazie agli uomini che trovano la loro strada nel monastero. In molte aree, dimostriamo più volte di essere un luogo attraente per gli uomini che vogliono condurre una vita secondo la Regola di San Benedetto.

Tuttavia, è importante che la nostra vita di monaci venga conosciuta e che le persone prendano in considerazione l'idea di unirsi al nostro monastero.

Abbazia di Admont - Padre Thomas con libro © Stefan Leitner

conoscere

Nell'ambito del nostro programma "Monastero temporaneo", gli uomini possono conoscere meglio la vita in un monastero. I Benedettini di Admont invitano cordialmente i giovani uomini fino a 40 anni a trascorrere un fine settimana per conoscere il monastero e i monaci. Durante questi giorni vogliamo dare una visione della nostra casa, delle nostre preghiere, della nostra gestione e della Regola di San Benedetto. 

Informazioni e iscrizioni: Sottopriore P. Thomas. Come maestro dei novizi, è responsabile dei giovani monaci e degli interessati!

 +43 (0) 664/603 53 712

I compiti dei monaci oggi

La vita olistica di una comunità benedettina può essere riassunta in poche parole con queste parole. Preghiera, lavoro e lettura delle Sacre Scritture e dei testi dei Padri sono i poli che caratterizzano la vita monastica.

I compiti in dettaglio

 

Molte strade portano al monastero

Uno dei grandi talenti di Frater Rupert è la capacità di compiere vere e proprie prodezze all'organo. Prima di entrare in monastero, aveva fatto di questo talento la sua professione.

Ha lavorato a tempo pieno come organista e direttore di coro per diversi anni. È stato anche grazie a questo che ha trovato la strada per un rapporto più profondo con Dio - soprattutto attraverso la liturgia - e quindi, in ultima analisi, la sua vocazione alla vita monastica.