Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()

Il Museo dell'Abbazia inaugura una mostra speciale in occasione del suo anniversario

In occasione del suo 950° anniversario, il Museo dell'Abbazia presenta mostre speciali di altissimo livello, inaugurate oggi, martedì 19 marzo 2024, alla presenza dell'Abate Gerhard Hafner, del Ministro dell'Istruzione Martin Polaschek, del Governatore Christopher Drexler e della Consigliera provinciale Ursula Lackner dopo la celebrazione di una Santa Messa.

950 anni di Abbazia di Admont:
Il Museo dell'Abbazia inaugura una mostra speciale in occasione del suo anniversario

Martedì 19 marzo 2024

In occasione del suo 950° anniversario, il Museo dell'Abbazia presenta mostre speciali di altissimo livello, inaugurate oggi, martedì 19 marzo 2024, alla presenza dell'Abate Gerhard Hafner, del Ministro dell'Istruzione Martin Polaschek, del Governatore Christopher Drexler e della Consigliera provinciale Ursula Lackner dopo la celebrazione di una Santa Messa.

Dal sermone dell'abate:
Culto e cultura vanno di pari passo.
Cosa sarebbe l'Europa senza chiese, cappelle, simboli cristiani, dipinti con motivi cristiani, letteratura, teatro, senza valori cristiani - non rimarrebbe molto dell'Europa. Il cristianesimo è una forza culturale duratura che ha plasmato la storia.
Grazie agli artisti per il loro lavoro e le loro creazioni dentro e fuori la chiesa, perché lo spirito di Dio soffia dove vuole; non solo nelle funzioni religiose, ma anche nelle "pennellate".

I visitatori della mostra speciale "Admont 1074 - Un viaggio nella storia dell'abbazia" sono stati accompagnati in un variegato percorso attraverso l'emozionante storia dell'abbazia benedettina dell'Alta Stiria. Circa 130 invitati, tra cui il Ministro dell'Istruzione Martin Polaschek e il Governatore Christopher Drexler, hanno potuto constatarlo di persona oggi, martedì. In occasione dell'inaugurazione, il curatore Christian Rapp, insieme all'abate Gerhard Hafner e al priore Maximilian Schiefermüller, ha guidato la visita alle mostre speciali.

Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()

Da sinistra a destra: il Padre Priore Maximilian Schiefermüller OSB, l'Abate Gerhard Hafner OSB, la Consigliera Provinciale Ursula Lackner, il Governatore Christopher Drexler, il Ministro dell'Istruzione Martin Polaschek.

Sono stati esposti tesori della biblioteca, dell'archivio e delle collezioni che non erano mai stati esposti prima, che hanno fatto luce sui periodi difficili e su quelli di massimo splendore del monastero. "La nostra casa non ha vissuto solo periodi alti", come ha sottolineato l'abate Gerhard Hafner, perché "nei 950 anni ci sono stati anche diversi episodi di declino e rassegnazione. Tuttavia, i nostri confratelli si sono sempre rialzati, confidando nell'aiuto e nel sostegno di Dio, e hanno ricominciato", afferma l'abate Gerhard Hafner. "Oggi possiamo dire con orgoglio che l'Abbazia di Admont si trova in una buona posizione, per cui possiamo guardare al futuro con fiducia e trasmettere questa grande eredità a tutte le generazioni future", afferma Franz Pichler, direttore degli affari economici dell'Abbazia di Admont, sottolineando la sostenibilità dell'esistenza dell'abbazia benedettina. Le imponenti esposizioni sottolineano anche i risultati scientifici e culturali dell'abbazia, che è sempre stata un luogo di ricerca e di educazione.

Il successo del rilancio di diverse aree museali

Oltre a un viaggio attraverso i 950 anni di storia del monastero, i visitatori del Museo dell'Abbazia possono aspettarsi altre novità e innovazioni nell'anno dell'anniversario. Tra queste, la nuova collocazione e l'ampliamento del Kunsthistorisches Museum. Quest'ultimo è stato trasferito dal piano superiore al piano terra, dove è inserito nella moderna architettura espositiva. Insieme alla mostra permanente "Collezione Mayer", tutte le collezioni storico-artistiche sono ora riunite su un unico piano e messe in dialogo. In questa stagione, il Museo d'Arte Contemporanea presenta uno spaccato della parte più recente della collezione del Museo dell'Abbazia, in costruzione dal 1997. La prima parte della mostra si concentra sulla pittura austriaca dagli anni Ottanta in poi. Le sezioni successive sono dedicate a vari temi, come la vita, la morte e la resurrezione. L'attenzione si concentra sull'arte commissionata "Made for Admont" e sull'interpretazione contemporanea delle Madonne medievali. Le sale multimediali, progettate nel 2003 e incentrate sulla vita del fondatore dell'ordine, Benedetto di Nursia, sono state rilanciate. La revisione de "Il cammino di San Benedetto" ha richiesto non solo un parziale re-cut e l'aggiunta di materiale cinematografico, ma anche un cambiamento architettonico. Due misure che ora trasmettono un nuovo ambiente spaziale ancora più attraente.

Nuovo sistema di segnaletica nel museo e nell'area esterna

Poiché il Museo dell'Abbazia è già stato in grado di aumentare costantemente il numero di visitatori negli ultimi anni, si prevede di superare presto la soglia dei 70.000 visitatori. Un traguardo per il quale l'Abbazia benedettina è ben preparata, come dimostra il sistema di segnaletica recentemente installato nel Museo dell'Abbazia e nell'area esterna. La mostra speciale "Admont 1074 - Un viaggio nella storia dell'abbazia", inaugurata di recente, attirerà probabilmente numerosi visitatori interessati in questa stagione museale, che saranno ora guidati verso tutti gli edifici e i giardini accessibili al pubblico da planimetrie e cartelli informativi in tutto il sito.

Foto: © Sabine Breitfuss

Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()
Apertura del Museo dell'Abbazia di Admont © Sabine Breitfuss ()

Dichiarazioni degli ospiti d'onore del 19 marzo 2024

Ministro federale Dr. Martin Polaschek
"Da 950 anni, l'Abbazia di Admont non solo educa i giovani, ma ne forma anche gli atteggiamenti e le azioni nello spirito della carità cristiana. Ispira non solo con i suoi tesori culturali, ma anche con un'imponente biblioteca che contiene oltre 70.000 libri e scritti. In breve, il monastero e l'annesso complesso scolastico erano, sono e rimarranno un progetto di successo. Brindiamo ad altri 950 anni di successo!".

Governatore Christopher Drexler
"L'Abbazia di Admont e i suoi monaci hanno caratterizzato la storia della Stiria per secoli. E questo va ben oltre la fede. L'Abbazia di Admont è un importante datore di lavoro e un'impresa commerciale per la regione e per l'intera Stiria, è fortemente impegnata nel sociale, nella sanità e nell'istruzione e, non da ultimo, è anche un centro culturale di grande importanza. Basti pensare alla Biblioteca dell'Abbazia, un'opera d'arte di fama mondiale. Vorrei congratularmi con loro per il loro 950° anniversario e ringraziare l'abate Gerhard Hafner e i monaci dell'abbazia per il loro importante lavoro sociale".

La consigliera provinciale Ursula Lackner in rappresentanza del vicegovernatore Anton Lang
"Con questa mostra speciale, l'Abbazia di Admont dimostra in modo impressionante di essere un luogo vivo che si evolve costantemente senza perdere le proprie radici. L'accurata selezione dei reperti, l'ampliamento e la riprogettazione delle aree museali e l'integrazione dell'arte moderna e della tecnologia dei media testimoniano che l'Abbazia partecipa attivamente alla vita culturale e intellettuale del presente e apre nuove prospettive."