Strutture esterne

01 / 03

scatti esterni @Thomas Sattler 6 e1648757081233
scatti esterni @Thomas Sattler 8 e1648757045569
Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon Chiesa abbaziale di Admont © Thomas Sattler

Elementi storici

L'attività edilizia del tardo barocco ha fatto sì che il complesso monastico, prima aperto su più lati, venisse chiuso a nord, est e sud.

Insieme al "palazzo vecchio" del primo barocco, sono stati creati in totale sei cortili.

scatti esterni @Thomas Sattler 7 e1634723382294
Primavera dell'Abbazia di Admont @Heinz Peterherr 18

Ricostruzione

Fino all'incendio del 1865, l'Abbazia di Admont era il più grande monastero e anche l'edificio più esteso della Stiria. L'incendio dell'abbazia distrusse soprattutto la parte più antica degli edifici. Dopo la rimozione delle macerie e delle rovine dell'incendio, ciò che rimase fu essenzialmente un unico grande cortile interno.

Il disegno del giardino è cambiato più volte nel corso del tempo: L'area, un tempo densamente alberata, è stata suddivisa per la prima volta in un'area interna e una esterna (delimitata da una recinzione) intorno al 1890.

Giardini

I giardini all'esterno dell'edificio abbaziale sono circondati da un alto muro. Sono stati utilizzati come giardini di frutta, ortaggi e ornamenti fino a tutto il XX secolo. Le due cappelle (dedicate a San Benedetto e a San Biagio), risalenti al 1735 circa, sono un'attrazione particolare. Negli anni '60 e '70, i campi di dalie e fucsie del maestro di giardino Karl Nutzinger si sono estesi a est e a sud.

Abbazia benedettina di Admont - Giardino delle erbe di Padre Egon © Thomas Sattler

Vecchio e nuovo

Lo sforzo di preservare gli elementi storici in un gioco coerente con gli accenti contemporanei diventa un'esperienza anche all'interno e nei vasti giardini del monastero. Il dialogo tra vecchio e nuovo è particolarmente evidente visitando l'"Hofgarten" (giardino delle suore) di fronte alle vetrate del vivaio dell'abbazia, il giardino delle erbe aromatiche allestito secondo modelli storici e il "giardino invisibile" progettato nel 2006/07 per i non vedenti e i vedenti nell'area ricreativa intorno al laghetto dell'abbazia.

Dall'antichità al barocco

Le sculture barocche restaurate di Josef Stammel nelle due cappelle del giardino sopra menzionate e le quattro dee antiche Cerere, Minerva, Diana e Flora del 1726-1719 di Markus Schokotnig nell'area della scalinata barocca dello Stiftskellerhof, anch'esse restaurate, dialogano in modo ricco di contrasti con le sculture di epoca più recente - più recente il prestito di una grande scultura di Bruno Gironcoli (1936-2010) nel cortile interno.

Abbazia di Admont - Panoramica
Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon Rosarium © Thomas Sattler
scatti esterni @Thomas Sattler 5 1 e1648800169260
scatti esterni @Thomas Sattler 3
Abbazia benedettina di Admont - Giardino delle erbe di Padre Egon © Thomas Sattler
I giorni del mercato del monastero 2019 ©ThomasSattler 15 in scala
Abbazia benedettina di Admont - Panorama (c) Stefan Leitner
Rosarium 1
Primavera dell'Abbazia di Admont @Heinz Peterherr 17
Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon Chiesa abbaziale di Admont © Thomas Sattler