Zankl incontra Schwarz.

01 / 03

Abbazia di Admont GWK Gustav Zankl © Michael Braunsteiner
Abbazia di Admont GWK Gustav Zankl © Michael Braunsteiner
Abbazia di Admont GWK Hannes Schwarz Gustav Zankl © Michael Braunsteiner

Zankl incontra Schwarz. Due posizioni nell'arte stiriana del dopoguerra 

 

Si conoscevano e si apprezzavano a vicenda e furono membri fondatori dell'associazione di artisti visivi stiriani nota come "Junge Gruppe", che fondò un'istituzione culturale importante per Graz e per tutta la Stiria, il Forum Stadtpark. Si tratta di Hannes Schwarz (1926-2014) e Gustav Zankl (*1929). La loro giovinezza è stata caratterizzata dall'esposizione all'ideologia nazista. Ciò che entrambi avevano in comune era la bravura nel disegno. Hannes Schwarz fu scelto per frequentare una scuola nazista d'élite a causa del suo talento. La sua formazione artistica terminò quando fu arruolato nella brutale guerra, che lo mise di fronte alla morte e al morire. A Gustav Zankl, invece, fu negata l'ammissione a una scuola di ingegneria per ribellione. I pochi anni di vita successivi gli permisero di non partecipare attivamente alla guerra militare. Ma l'indottrinamento, le punizioni per comportamenti devianti e tutto lo stress psicologico lasciarono profonde cicatrici anche su di lui.

Negli anni successivi alla guerra, entrambi decisero di diventare insegnanti ed educatori artistici. Schwarz insegnò a Weiz, Zankl a Graz dopo aver lavorato come ingegnere. E furono attivi come artisti. Nel 1953 fu organizzata una mostra del "Junge Gruppe" a Weiz, lontano da Graz, dove i discendenti della Secessione di Graz inizialmente non trovavano posto. A Weiz le loro composizioni astratte furono respinte. Erano gli anni successivi al regime nazista e il concetto propagandistico di arte ebbe un effetto duraturo.

Dopo questi primi anni, hanno continuato a sviluppare la loro arte. Negli anni Sessanta, Hannes Schwarz rivolge la sua attenzione alla figura umana, agli orrori dell'esistenza terrena, al dolore, alle paure, alle ferite e alla solitudine. Ne sono testimonianza le immagini di persone sofferenti e maltrattate in letti d'ospedale su uno sfondo nero e vuoto. Oppure mette delle figure umane sedute a un tavolo rotondo, a grande distanza l'una dall'altra. I loro corpi sono coperti da cicatrici e ferite. La serie "Figure dietro le sbarre" mostra corpi deformati e sanguinanti dietro sbarre nere. È questa esposizione delle persone al mondo che il riflessivo Schwarz, caratterizzato da pensieri filosofici di stampo esistenziale, esprime nelle sue opere di grande formato. E ci permette di empatizzare, di condividere il dolore.

Hannes Schwarz - Mostra
Abbazia di Admont GWK Gustav Zankl © Michael Braunsteiner

Gustav Zankl ha preso una strada diversa. Per lui, arte significa ricerca scientifica. A partire dagli anni Sessanta, la sua ricerca sui quanti di colore si è manifestata in oggetti d'arte mobili, come le opere del ciclo "Cluster of Information" (2007). Si tratta per lo più di pannelli o corpi di compensato dipinti, le cui combinazioni di colori si basano su calcoli precisi. La partecipazione è la massima premessa artistica di Zankl. Come scrive l'artista, i suoi oggetti d'arte sono destinati a incoraggiare gli spettatori ad "agire" e ad "espandere il loro potenziale emotivo e intellettuale".

Nel 2015 Zankl ha esposto il "Cluster of Information" presso il Centro Hannes Schwarz di Weiz. Questo ciclo di opere è stato acquistato dal monastero nel 2022 e quindi quest'anno è possibile vedere una giustapposizione delle opere e dei diversi approcci artistici dei due artisti stiriani, dimostrando ancora una volta un'idea centrale nella strategia espositiva degli ultimi due decenni: Entrare in dialogo. L'arte espressiva incontra l'arte concreta, entrambe con l'obiettivo di emozionarci. 

Nel 2024 ricorre il decimo anniversario della morte di Hannes Schwarz. Questa è l'occasione per una serie di eventi incentrati sul suo lavoro in momenti importanti della sua vita. Sono previsti eventi a Weiz, Graz (Forum Stadtpark) e Admont. La data esatta di un evento di discussione serale presso la mostra di Admont non è ancora stata annunciata.

Abbazia di Admont - Museo d'arte contemporanea 2024 © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Museo d'arte contemporanea 2024 © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Museo d'arte contemporanea 2024 © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Museo d'arte contemporanea 2024 © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Museo d'arte contemporanea 2024 © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Museo d'arte contemporanea 2024 © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Museo d'arte contemporanea 2024 © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Museo d'arte contemporanea 2024 © Thomas Sattler