6de49c85f675fbb38017ea8e0aee6ccd XL

Il Museo dell'Abbazia di Admont inaugura le mostre speciali il 19 marzo

Le radici stiriane collegano...

Il Museo dell'Abbazia di Admont inaugura le mostre speciali il 19 marzo

Mercoledì 16 marzo 2022

Sabato prossimo, 19 marzo, il Museo dell'Abbazia di Admont darà il via alla stagione di quest'anno con due mostre speciali di altissimo livello. Lo stretto legame con la Stiria unisce arte gotica e contemporanea.

Il Museo dell'Abbazia di Admont punta i riflettori sul patrimonio culturale della Stiria. E in due mostre contemporaneamente. L'anno scorso, i due imperatori "Noi Federico III e Massimiliano I - Il loro mondo e il loro tempo" hanno scatenato una vera e propria corsa alla mostra speciale omonima. "La grande popolarità e le numerose richieste di proroga ci hanno spinto ad allestire una nuova edizione di quella che è probabilmente la più importante mostra speciale che il Museo dell'Abbazia abbia mai esposto", afferma l'abate Gerhard Hafner. I reperti dell'Abbazia benedettina di Admont e della Collezione Mayer sono integrati da prestiti provenienti da tutta l'Austria, dall'Alto Adige e dalla Germania e offrono un'affascinante visione del mondo, dei tempi e dell'ambiente delle due personalità asburgiche. La presentazione consiste in una sequenza di tre sale espositive che conducono all'intronizzazione dell'imperatore Federico III. Ritratti espressivi, dipinti su tavola e sculture, armi e armature, magnifiche carte e sigilli, scudi funerari, elementi epigrafici e importanti manoscritti illustrano la visione del mondo, le credenze, il fiorente artigianato e la cultura abitativa e culinaria del XV e dell'inizio del XVI secolo. Un pezzo forte della mostra, completamente riallestita: "La pietra dello stemma di Federico e di sua moglie Eleonora del Portogallo", come spiega Barbara Eisner-B., perché "l'intera storia della vita dell'imperatore può essere raccontata con questo reperto, che è datato 1452", dice la curatrice. Lo stretto legame con la Stiria è testimoniato dal luogo di ritrovamento. In origine, la pietra dello stemma era incastonata nella muratura del castello di Graz ed è giunta all'Universalmuseum Joanneum nella seconda metà del XIX secolo. È stata conservata e studiata per la mostra speciale Admont. La documentazione del progetto di ricerca è spiegata chiaramente sui tabelloni e si concentra sul motto di quest'anno della mostra speciale: "Il patrimonio culturale in movimento!". Proprio come le bacheche, le postazioni video di esperti di varie discipline gettano un ponte dal tardo Medioevo ai tempi moderni. Esse ampliano lo spazio per l'incontro con i reperti selezionati e consentono un tour esperienziale davvero speciale.

La Stiria dà impulso

Quest'anno la Collezione d'Arte Contemporanea è alla ricerca di indizi. "Radici stiriane" è il titolo della mostra speciale di quest'anno, che ci riporta al 1997. All'epoca, lo Stiftsmuseum iniziò a raccogliere arte contemporanea di giovani artisti austriaci. Questa nuova collezione fu presentata al pubblico per la prima volta nel 2003. Già allora si notava che molte di queste opere d'arte provenivano dalla Stiria. Anche se questa concentrazione non è mai stata voluta, il ruolo significativo dell'arte stiriana nella scena austriaca e internazionale dell'epoca non era casuale, afferma Braunsteiner. "La Stiria ha dato importanti impulsi nel campo delle arti visive per decenni", afferma il curatore. Lo sviluppo della Stiria come regione culturale è al centro della mostra speciale di quest'anno. Artisti di fama con stretti legami con la Stiria confrontano le condizioni della loro produzione artistica nel passato e nel presente e forniscono una prospettiva per il futuro. 30 brevi video, accessibili tramite codice QR, invitano i visitatori a partecipare a questa discussione, perché "il tema è nell'aria", come sottolinea Braunsteiner. In quanto proprietaria del museo privato probabilmente più contrastante dell'Austria, l'Abbazia benedettina di Admont cerca di fare la sua parte nella produzione, nella percezione e nella comunicazione dell'arte stiriana. Non è un caso che molte delle opere esposte siano "Made for Admont", poiché il museo del monastero commissiona opere d'arte da oltre 20 anni.

L'arte nel Museo di Storia Naturale

Il legame con la Stiria, che quest'anno attraversa come un filo rosso l'intero museo, è visibile anche nelle opere dell'artista di origine tedesca Nikola Irmer, recentemente trasferitasi a Graz. Le sue opere possono essere ammirate in questa stagione nel Museo di Storia Naturale e mostrano estratti di collezioni e depositi zoologici. Anche se non sono state create ad Admont, sono frutto di collaborazioni con altri musei, tra cui quelli di Oxford, Firenze, Vienna, Berlino e Leida. Tuttavia, si sta pensando a un futuro progetto "Made for Admont" relativo alla collezione del museo stesso.

Cose del cuore con anima

Heribert Friedl ha progettato la Sala degli interventi artistici del Kunsthistorisches Museum di quest'anno. L'artista nato a Feldbach è da tempo interessato alle fragranze e ai loro effetti. Con la sua installazione site-specific, mostra come le informazioni invisibili insite negli abiti possano evocare il ricordo di una persona cara defunta. Heribert Friedl parla anche del profumo del tempo che ha trovato espressione in questi oggetti. Sullo sfondo del suo dialogo con il filosofo, scienziato culturale e scrittore coreano-tedesco Byung-Chul Han, afferma: "La storia che cresce sulle cose attraverso il lungo utilizzo le anima per diventare cose del cuore".

Memoria e controllo dei messaggi

"Potere e nuovi media alle soglie della prima età moderna" è il titolo della mostra speciale di quest'anno nella Sala dei Manoscritti. L'imperatore Massimiliano I era più che preoccupato della sua morte e della fama postuma, per questo commissionò a studiosi e artisti un resoconto delle sue gesta in parole e immagini. Fece abilmente confezionare i fatti storici in una veste romanzata. Ne nacquero Le avventure del cavaliere Theuerdank e del Freydal, un libro da torneo che racconta la vita dell'ancora giovane imperatore. Le lettere di un carattere appositamente progettato, che adornano il Theuerdank con molti elementi decorativi, dimostrano che Massimiliano I non era interessato solo a un'ampia riproduzione, ma soprattutto alla perfezione. L'opera contiene anche numerose xilografie realizzate da importanti artisti dell'epoca.

Orari di apertura

Il nostro museo è aperto dal 19 marzo al 30 dicembre 2022; nel

Aprile, maggio, giugno e ottobre, da mercoledì a domenica: dalle 10.30 alle 15.30.
Marzo, novembre e dicembre da venerdì a domenica: dalle 10:30 alle 15:30
Luglio, agosto e settembre da lunedì a domenica: dalle 09:00 alle 17:00