La camera

Mostra anniversario 2024 - Reti Circae

Anche se sono cresciuta nell'Austria orientale, vicino a Klosterneuburg, Melk e altri importanti monasteri, Admont è il primo monastero che ricordo di aver visitato da bambina.

Reti ciritiche

Riflessioni sulla mostra del 2024

Anche se sono cresciuta nell'Austria orientale, vicino a Klosterneuburg, Melk e altri importanti monasteri, Admont è il primo monastero che ricordo di aver visitato da bambina. Da Lunz am See, dove la mia famiglia trascorreva le estati, una volta all'anno ci recavamo al Gesäuse passando per Göstling e Hieflau. Anche il viaggio in un vecchio autobus VW e su strade strette era emozionante. Di fronte a montagne sempre più alte e a gole sempre più strette, non riuscivo a immaginare che dietro di esse ci fosse un grande monastero. Ma non appena la valle si è allargata, eccolo lì, incorniciato e inserito in un paesaggio impressionante. Oltre alla biblioteca e alle mostre di storia naturale, mi hanno particolarmente colpito le opere d'arte in ferro fittamente appese alla parete dell'antica fucina del monastero.

Alla luce di questi ricordi formativi, è per me un particolare piacere poter accompagnare una mostra in occasione dell'anniversario di questo monastero. Noi, Michael Braunsteiner, il padre priore Maximilian Schiefermüller e il team dell'archivio dell'abbazia come curatori e Alexander Kada come designer, stiamo organizzando questa mostra come un tour attraverso la storia dell'abbazia in senso letterale. È organizzata per temi: la comunità spirituale, che ha dovuto affrontare continuamente grandi sfide; l'impatto del monastero sulla regione; le attività scientifiche; la base economica e infine le attività culturali, esemplificate da opere d'arte e musica.

Iniziamo il nostro viaggio nel tempo con la fondazione del monastero e le leggende che si sono sviluppate intorno ad esso. Ogni epoca le ha reinterpretate. Oltre ai ritratti liberamente inventati della fondatrice Hemma von Gurk e dell'arcivescovo Gebhard di Salisburgo, possiamo vedere anche la ricostruzione scientificamente provata della testa e della figura dell'arcivescovo. Guardiamo Gebhard in faccia, per così dire, come un contemporaneo.

Si sa che nei secoli successivi Admont ha vissuto tutti gli alti e bassi di un monastero dell'Europa centrale, compreso il devastante incendio del 1865, la crisi economica particolarmente grave degli anni Trenta e la soppressione del monastero sotto il nazionalsocialismo. Gran parte di queste vicende sono state analizzate in modo più approfondito solo negli ultimi anni e i risultati delle nuove ricerche sono presentati nella mostra.
Altrettanto importante per noi è la presentazione della curiosità scientifica che ha caratterizzato la comunità monastica fin dalle origini e che si manifesta nelle opere della biblioteca e delle collezioni di storia naturale. Le mostre e i libri riflettono gli ampi interessi, ma anche la passione dei ricercatori, sia che si tratti di padre Gabriel Strobl, che si è dedicato ai ditteri tra gli insetti, sia che si tratti di Guido Schenzl, che si è occupato di geomagnetismo e isogoni, sia che si tratti dello storico Jacob Wichner, che ha setacciato il vasto archivio per la sua storia del monastero in quattro volumi.

Il fatto che la ricerca scientifica e le attività spirituali e pastorali richiedano una base economica è trattato anche in un'altra sezione della mostra, dedicata alle imprese economiche storiche e contemporanee.
La sala espositiva successiva offre una svolta esistenziale, esplorando i temi della morte, della vita e della resurrezione. Il team curatoriale ha deliberatamente accostato dipinti e stampe barocche a opere artistiche contemporanee, al fine di sottolineare la continuità di questo tema esistenziale e la diversità delle sue interpretazioni.  

Alla fine della visita, invitiamo i visitatori a fermarsi e a passare dallo sguardo all'ascolto. Verranno eseguiti alcuni brani musicali scritti in relazione al monastero, oltre a testi scritti sul monastero. Vorrei concludere con un estratto di uno di questi: Sullo scaffale H dell'armadio 93 al piano superiore della biblioteca (devo questi riferimenti a Bodo Hell) c'è un libro dello scrittore di viaggi Joseph August Schultes del 1804, in cui descrive la sua partenza da Admont.
È stato molto difficile per lui e per i suoi compagni di viaggio, perché ognuno di loro era catturato da un diverso "oggetto preferito": il paesaggio, la biblioteca, i fiori circostanti, il suono dell'organo della chiesa. "Solo con grande difficoltà siamo riusciti a staccarci dal bellissimo Admont, che ha tenuto ciascuno di noi impigliato in una rete di circaean (cioè la magia della chiesa, C.R.) durante il nostro breve soggiorno di cinque giorni". Il monastero riuscirà a tessere queste reti nel suo anno giubilare e sicuramente anche in futuro.