Mostra VERORTUNGEN Sala Lois Renner www

Arte contemporanea nell'Abbazia di Admont

TRADIZIONE E INNOVAZIONE IN DIALOGO 

 

Nel 1997, l'Abbazia di Admont ha iniziato a costituire una collezione di arte contemporanea. Il momento era direttamente collegato alla riprogettazione del museo, ormai obsoleto, iniziata nello stesso anno. Dopo cinque anni di ristrutturazione, il museo è stato riaperto nel 2003. L'attuale museo, attrezzato secondo i più recenti criteri internazionali, si estende su tre piani e sull'attico. Offre una sorprendente varietà: manoscritti e stampe antiche, arte sacra e profana dal Medioevo ai giorni nostri, un museo gotico con l'esposizione permanente della "Collezione Mayer" dal 2017, collezioni di storia naturale, postazioni multimediali e mostre speciali mutevoli. Il punto forte di una visita al monastero è la biblioteca monastica più grande del mondo, con i suoi 70.000 volumi. Completata nel 1776, la Biblioteca dell'Abbazia di Admont è una delle opere d'arte più importanti del tardo barocco europeo. 

Insieme agli altri dipartimenti, il "Museo d'Arte Contemporanea" costituisce la piattaforma per la presentazione di diverse posizioni dell'arte contemporanea in combinazioni sempre nuove e nuovi campi di relazione. Questo è uno dei motivi per cui il Museo dell'Abbazia di Admont è stato insignito del "Premio museale austriaco 2005" (Premio statale). La dichiarazione della giuria recitava: "Il Museo dell'Abbazia di Admont ha aperto nuove strade, ben al di là di ciò che è consueto nei musei abbaziali [...] Soprattutto, è magnifica la combinazione di arte moderna e antichi manufatti culturali, che pone accenti inaspettati nell'emozionante allestimento. Si tratta di un nuovo approccio alla gestione e alla comunicazione dell'arte contemporanea. Ciò rende il Museo dell'Abbazia di Admont esemplare per altri musei austriaci". 

La pietra angolare della "Collezione d'arte contemporanea" è costituita da acquisti di artisti austriaci appartenenti alla generazione giovane e media dell'epoca. Le mostre inaugurali sono state accolte con entusiasmo dalla scena artistica. "La crème de la crème dell'arte contemporanea austriaca è rappresentata nel Museo dell'Abbazia di Admont come in nessun altro museo privato", ha scritto Der Standard. La "Collezione d'arte contemporanea" dell'Abbazia di Admont, in continua crescita, comprende oggi oltre 1000 opere di circa 200 artisti prevalentemente austriaci. A differenza di altre collezioni ecclesiastiche di arte contemporanea, la collezione di Admont non pone l'accento sul contenuto sacro. Nei primi anni di vita della collezione, è stato acquisito un numero considerevole di opere di rappresentanti della "Nuova pittura in Austria". Si tratta di opere di Siegfried Anzinger, Erwin Bohatsch, Herbert Brandl, Gunter Damisch, Alfred Klinkan, Alois Mosbacher, Hubert Scheibl, Hubert Schmalix, Walter Vopava, Otto Zitko e altri. Per questi artisti - astratti o figurativi - la pittura di per sé svolge un ruolo centrale nella creazione di immagini. 

Mostra VERORTUNGEN Sala Lois Renner www
Museo dell'Abbazia di Admont apertura 2019 16

Grazie ai buoni contatti con la scena artistica, si creò rapidamente una nuova ed entusiasmante situazione. Nel 2000, ancor prima dell'apertura del nuovo museo, Lois Renner (1961-2021), all'epoca il "pittore più moderno d'Austria", fu invitato all'Abbazia di Admont come primo "artista in residenza". Renner arrivò al monastero con il modello della "Fortezza" del suo studio d'artista di Salisburgo e il relativo repertorio di oggetti in miniatura. Documentò il modello mobile nel suo nuovo ambiente, riorganizzandolo in modo permanente. È nato così il programma MADE FOR ADMONT. 

Da oltre vent'anni gli artisti sono regolarmente invitati al monastero per un dialogo costruttivo ad altezza d'uomo nell'ambito delle commissioni artistiche MADE FOR ADMONT. Il termine rigido e ristretto di "arte su commissione" non è applicabile. Piuttosto, entrambe le parti agiscono sempre come partner che mettono in contatto i loro mondi e permettono loro di reagire l'uno all'altro, con l'obiettivo di mettere in moto un processo artistico. Negli ultimi due decenni, da questi incontri sono nate numerose grandi serie di opere. Si sono creati impulsi reciproci e si è generato un valore aggiunto per entrambe le parti. E ne è nata una collezione tutta loro. 

Il mezzo fotografico svolge un ruolo centrale nel programma MADE FOR ADMONT. Le numerose opere d'arte create ad Admont sono il risultato di specifici processi di localizzazione relativi alla regione, al monastero e alle persone che vi lavorano, al museo e ai suoi contenuti. I monaci di Admont sono protagonisti di diverse serie di opere. Lois Renner aveva già realizzato un ritratto dell'allora abate Bruno Hubl nella biblioteca dell'abbazia. Erwin Wurm ha creato un ciclo fotografico intitolato "Fratelli e sorelle", realizzato nel 2002 per il museo dell'Abbazia di Admont. Per questo, due monaci di Admont hanno agito come "Sculture di un minuto". In occasione dell'apertura del nuovo museo nel 2003, Rudi Molacek ha realizzato un ritratto dell'Abbazia di Admont con il titolo "Admont". Le 100 foto in b/n comprendono ritratti di persone del mondo dell'arte che hanno a che fare con il museo e di dipendenti dell'edificio, tra cui l'abate e i monaci. Nel 2006, Konrad Rainer ha realizzato una serie di ritratti fotografici monocromatici di grande formato dei benedettini di Admont, con una perfezione tecnica. Nello stesso anno, Judith Huemer ha creato la serie fotografica "overall" (da #1 a #4), che prevede un intenso dialogo e incontro tra gli artisti e il monastero. Qui viene esplorata la questione del valore dell'individualità in una comunità monastica. I tratti identificativi, come i volti e i corpi, scompaiono nelle pieghe dei mantelli.

Un modulo speciale della collezione MADE FOR ADMONT è la collezione speciale "JENSEITS DES SEHENS. L'arte unisce ciechi e vedenti". Attualmente è composta da 27 opere appositamente progettate per persone vedenti e non vedenti. Esse si presentano come isole autonome, pronte per essere esplorate con tutti i sensi. È consentito e consigliato toccare. Lo spettro spazia da semplici sculture a opere multimediali molto complesse. Questa collezione è in costruzione come "collezione in corso" dal 2002. È stata esposta per la prima volta nella sua interezza al Museo dell'Abbazia di Admont nel 2012. Nel 2013/14, la collezione è stata prestata al "Contemporary Art Centre Winzavod" di Mosca. Un evento d'arte che ha fatto il giro del mondo, con visite ripetute, associazioni per non vedenti e scolaresche, nonché con bambini che hanno aperto l'accesso all'arte del nostro tempo ai loro genitori e nonni con piacere. 

GIOCARE ALL'ARTE . OLTRE LA VISTA. c Barbara Eisner B in scala

Gli "Interventi artistici" sono stati una componente fissa del programma espositivo a cadenza annuale dal 2003 al 2023. Ad essi è stata dedicata una sala separata del vecchio Kunsthistorisches Museum, che è stata ridisegnata e spostata al piano terra nel corso dell'anno dell'anniversario. Questo spazio era un luogo di relazioni risonanti, un luogo speciale di dialogo tra il sacro e il profano, l'atteso e l'inaspettato. Trasformazioni e processi. Gli artisti invitati finora ci hanno sorpreso più volte - con le loro soluzioni artistiche incredibilmente stratificate e complesse nei loro riferimenti all'Abbazia di Admont con la sua memoria culturale di 950 anni.

Il dialogo che caratterizza l'intero museo si ritrova anche nel Museo di Storia Naturale. Le opere d'arte contemporanea che vi sono presentate affrontano il tema della natura e delle collezioni di storia naturale in vari modi. Esse corrispondono e contrastano con gli esemplari storici presenti. Spesso sono il risultato di un invito di ADMONT GUESTS.

Negli ultimi due decenni sono state ospiti diverse collezioni sacre e profane, pubbliche e private. Tra queste, la "Collezione Prinzhorn" di Heidelberg e, come evento speciale del 2014, la mostra speciale "LIBRI D'ARTISTI _ LIBRI D'ARTISTI. Mostre internazionali dal 1960 a oggi" con otto rinomate collezioni provenienti da Austria e Germania. 

L'arte del nostro tempo si trova ancora nel Museo di Storia Naturale, nel nuovo Museo di Storia dell'Arte, nel Museo di Arte Contemporanea e nella mostra speciale per l'anniversario del 2024 nelle nuove sale espositive al primo piano.

Per saperne di più, consultate il Giornale dei musei 2024. 

Museo dell'Abbazia di Admont apertura 2019 16
Museo dell'Abbazia di Admont apertura 2019 15
Museo dell'Abbazia di Admont apertura 2019 17
Abbazia di Admont Mostra speciale GWK (c) Thomas Sattler www
Abbazia di Admont Mostra speciale GWK (c) Thomas Sattler www
Abbazia di Admont Mostra speciale GWK (c) Thomas Sattler www
Abbazia di Admont Mostra speciale GWK (c) Thomas Sattler www
Radici stiriane Hubert Schmalix . Il Juenger . 1994 in scala
Hannes Schwarz - Mostra
Herbert Brandl radici stiriane
Friedl
Mostra VERORTUNGEN Sala Lois Renner www
FB20 Lois Renner