2 radici stiriane DSC06267 scalare

Mostra speciale 2022 - Le radici della Stiria

Alla ricerca di indizi nella collezione d'arte contemporanea dell'Abbazia benedettina di Admont

La mostra speciale del 2022 al Museo d'Arte Contemporanea dell'Abbazia di Admont presenterà le opere di "Styrian Roots". Quando è stata istituita la collezione d'arte contemporanea dell'Abbazia di Admont, era già evidente che molti degli artisti rappresentati in questa nuova parte della collezione erano nati in Stiria o erano in qualche modo radicati nella regione. In termini di strategia della collezione, non c'è mai stata l'intenzione di concentrarsi sull'arte stiriana. Il fatto che tanti artisti con legami con la Stiria svolgano un ruolo così importante nella scena artistica austriaca e internazionale non è certo una coincidenza... E accanto al Museo d'Arte Contemporanea, anche la mostra STEIRISCHE WURZELN: Intervento artistico di Heribert Friedl al Kunsthistorisches Museum e Ospiti di Admont, opere di Nikola Irmer nel Museo di Storia Naturale!

Herbert Brandl radici stiriane
Armadio Karl 6 in scala
Radici stiriane Erwin Wurm . 1 1 in scala
Armadio Karl 3 1 in scala
Radici stiriane Hubert Schmalix . Il Juenger . 1994 in scala
2 radici stiriane DSC06267 scalare
Radici della Stiria Erwin Wurm . Fratelli Sorelle Realizzato per Admont 2002 Copia in scala
Radici stiriane Alfred Klinkan . in scala
Nikola Irmer Lemur olio su lino 2016 1
Nikola Irmer Colibrì noce incl. 1

La situazione dell'arte contemporanea in Stiria quasi tre decenni fa è stata analizzata in dettaglio nella mostra del 1994 "Styrian Window" alla Neue Galerie Graz. Nella pubblicazione omonima*, consigliata come lettura di base per l'attuale mostra all'Abbazia di Admont, la scena culturale stiriana di allora è ben analizzata e documentata. Sono stati presi in considerazione tutti i media e le forme di espressione dell'arte contemporanea. Sono stati inclusi tutti gli artisti rilevanti per l'argomento all'epoca (circa 800). Sono state presentate tutte le istituzioni e le iniziative culturali e i loro programmi, compresi i principali promotori come Neue Galerie, Forum Stadtpark, steirischer herbst, trigon, Haus der Architektur, Steirische Kulturinitiative, Akademie Graz, Kulturzentrum bei den Minoriten, Joanneum Research e molti altri.

Iniziative e istituzioni più recenti, come la "Kunsthaus Graz", che all'epoca non era ancora stata costruita, e l'Abbazia di Admont, fondata nel 1074, non sono state menzionate nella "Finestra della Stiria". La creazione della collezione di arte austriaca contemporanea dell'Abbazia di Admont è iniziata nel 1997. Inizialmente la collezione si concentrava sulla generazione giovane e media dell'arte contemporanea austriaca. Nel 2003 è stata presentata per la prima volta al pubblico nell'allora nuovissimo museo con il titolo di mostra "Collezione d'arte contemporanea". Già allora il colpo d'occhio era notevole: Molti degli artisti rappresentati in questa nuova parte della collezione sono nati in Stiria o sono in qualche modo radicati nella regione. In termini di strategia della collezione, non c'è mai stata l'intenzione di concentrarsi sull'arte stiriana. Il fatto che tanti artisti legati alla Stiria svolgano un ruolo così importante nella scena artistica austriaca e internazionale non è certo una coincidenza.

Kulturland Styria non è una "provincia culturale". Da decenni dà impulsi innovativi nel campo delle belle arti a livello nazionale e internazionale. Come Abbazia di Admont, ricca di tradizione e di contrasti, cerchiamo nel nostro museo di contribuire al meglio alla produzione, alla percezione e alla comunicazione dell'arte contemporanea in Stiria. Oltre alle acquisizioni "generali", da oltre 20 anni commissioniamo opere d'arte. Di conseguenza, il nostro programma MADE FOR ADMONT vede anche artisti provenienti da tutta l'Austria e dall'estero impegnarsi artisticamente con la regione, la Stiria e gli stiriani - e realizzare interi cicli di opere che si trovano qui.

Nel caso della collezione speciale "JENSEITS DES SEHENS - Kunst verbindet Blinde und Sehende", accessibile in modo giocoso, le opere degli stiriani Manfred Erjautz, Karl Karner e Werner Reiter sono già state esposte a Mosca. Potete convincervi della qualità artistica - che deriva dalle radici stiriane - con alcuni rappresentanti della collezione della fondazione.

Le annate più mature sono già presenti nella pubblicazione STYRIAN WINDOW. Tra questi, Fritz Bergler, Erwin Bohatsch, Herbert Brandl, Manfred Erjautz, Michael Kienzer, Alfred Klinkan, Rudi Molacek, Alois Mosbacher, Anton Petz, Franz Pichler, Dieter Preisl, Hannes Priesch, Werner Reiterer, Kurt Ryslavy, Robert Schaberl, Hubert Schmalix, Martin Schnur, Ingeborg Strobl, Gustav Troger, Norbert Trummer, Matta Wagnest, Markus Wilfling ed Erwin Wurm.

Inoltre, ci sono artisti stiriani più giovani come Wolfgang Becksteiner, Christoph Schmidberger e zweintopf. Un caso particolare di vecchia generazione è Hannes Schwarz, al quale abbiamo dedicato una sezione a parte in seguito a una donazione. Molto è cambiato dal 1994. La rete globale, che all'epoca si stava sviluppando solo lentamente, è diventata una cosa ovvia. Oggi viviamo nell'era della digitalizzazione e dei nuovi media. Questo ha cambiato completamente anche la produzione artistica, la scena artistica e l'educazione all'arte. Di conseguenza, gli artisti stessi hanno la possibilità di dire la loro nella mostra in base ai mezzi e alle possibilità del nostro tempo. Verranno esplorati nuovi modi di trasmettere le informazioni.

Unitevi a noi nella mostra del 2022 alla ricerca delle tracce delle "radici stiriane" nella parte più recente delle collezioni della fondazione! E discutiamo su dove la regione culturale della Stiria potrebbe dirigersi in futuro!

Nell'ambito di questa mostra vi aspettano altre due attrazioni in altri dipartimenti: L'intervento artistico di Heribert Friedl nel nostro Museo di Storia dell'Arte e le opere di Nikola Irmer nel Museo di Storia Naturale.