ALLA RICERCA DEL DIVINO

 

Arte. Narrativa, costante, di ricerca. Per il divino? "Sì, può essere anche un'espressione di questo", dice padre Michael Robitschko. Il monaco benedettino è il responsabile dell'arte e della cultura dell'Abbazia di Admont e ci offre una panoramica di quello che è probabilmente il museo privato più contrastato dell'Austria. 

Viva la diversità. Questo è lo slogan del Museo dell'Abbazia di Admont e colpisce nel segno. Un museo di arte contemporanea, un museo di storia naturale e di storia dell'arte, un'esposizione gotica, manoscritti medievali e stampe antiche, nonché la più grande biblioteca monastica del mondo sono tutti riuniti sotto lo stesso tetto. Grazie a questa ampia offerta, all'originalità e al lavoro di sviluppo, il Museo dell'Abbazia è già stato in grado di affermarsi nei confronti di molte istituzioni rinomate e ha persino vinto il Premio austriaco per i musei nel 2005. Un premio per il quale è stato decisivo anche il programma "Made for Admont". L'idea di fondo: Mostrare l'arte localizzata ad Admont. La pittrice austriaca Lois Renner ha dato il via alle attività nel 2000. 

Il programma Made for Admont comprende ora centinaia di opere di oltre 70 artisti. In questa intervista, Padre Michael Robitschko, responsabile del settore Arte e Cultura, spiega perché l'azienda ha optato per l'arte su commissione e quali sorprese riserva la mostra per il 950° anniversario dell'Abbazia benedettina di Admont.

 

La collezione di arte contemporanea comprende anche molte opere "Made for Admont". Perché il Museo dell'Abbazia commissiona opere d'arte?

Un tempo la chiesa era un importante mecenate delle arti e quindi anche una fonte di cultura. Molte opere importanti che oggi possiamo ammirare sono state create perché la Chiesa ha dato agli artisti l'opportunità di svilupparsi. Volevamo far rivivere questo mecenatismo e promuovere così la creazione di arte contemporanea.

 

Abbazia di Admont - Museo di Storia dell'Arte © Marcel Peda

Oltre all'arte contemporanea, il Museo dell'Abbazia espone anche arte sacra del periodo gotico. Una contraddizione o un complemento perfetto?

Chiaramente la seconda. Nel Museo dell'Abbazia, l'arte sacra e quella moderna non sono in competizione, come potrebbe sembrare a prima vista. Sono due mondi contrastanti che entrano in contatto e in dialogo. Questo incontro arricchisce notevolmente l'esperienza della visita al museo. Mentre l'arte antica trasmette un messaggio chiaro, quella contemporanea lascia ampio spazio all'interpretazione. Il modo in cui interpretiamo le opere d'arte moderne è spesso molto individuale e dipende anche dalla nostra biografia. A volte penso che questa libertà dell'arte sia anche un'espressione della ricerca. Forse anche della ricerca del divino.

 

Quindi l'arte offre anche l'opportunità di confrontarsi con la fede? 

Assolutamente sì. Ciascuno dei nostri dipartimenti museali offre un approccio diverso alla fede. Mentre il Museo di Storia Naturale si concentra sulla creazione, l'esposizione gotica parla un chiaro linguaggio visivo. I dipinti e le sculture trattano principalmente scene bibliche e sono espressione di quanto la fede caratterizzasse la vita quotidiana delle persone in quell'epoca. E la spiritualità gioca ancora oggi un ruolo importante nell'arte. Anche se in modo diverso.

 

Come fa l'Abbey Museum a stabilire un nuovo record di visitatori quasi ogni anno?

La Biblioteca dell'Abbazia di Admont, la più grande biblioteca monastica del mondo, è certamente un vero e proprio richiamo per il pubblico. Ma credo che sia l'ampio spettro che copriamo dal gotico - e in parte dal romanico - ai giorni nostri a decretare il nostro successo. Forse uno dei motivi per cui la visita ai musei sta diventando sempre più popolare è che le persone desiderano qualcosa di permanente. L'arte, quindi, non solo permette alle persone di confrontarsi con molti temi diversi, ma offre anche stabilità in tempi in rapida evoluzione.

Cosa possono aspettarsi i visitatori dalla prossima mostra speciale? 

Non voglio ancora svelare troppo, ma dirò questo: ci sarà un rilancio di quasi tutte le aree del museo. Il Kunsthistorisches Museum si trasferisce al piano terra. Al primo piano presenteremo la mostra speciale. Si concentrerà sulla nostra storia quasi millenaria e quindi mostrerà anche come i monaci e le persone hanno vissuto e sperimentato la fede in questo lungo periodo. 

La camera
La camera
Abbazia di Admont - Museo di Storia Naturale © Stefan Leitner
Museo Gotico 2 c Stefan Leitner e1648800053384
Museo Gotico c Stefan Leitner
Museo dell'Abbazia di Admont apertura 2019 5
Museo dell'Abbazia di Admont apertura 2019 16
Museo dell'Abbazia di Admont apertura 2019 15
Abbazia di Admont - Biblioteca e Museo © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Museo di Storia Naturale ©Thomas Sattler
Abbazia di Admont Mostra speciale di manoscritti (c) Thomas Sattler www
Abbazia di Admont Mostra speciale di manoscritti (c) Thomas Sattler www
Mostra speciale fotografica Maximilian
Abbazia di Admont Mostra speciale GWK (c) Thomas Sattler www
Abbazia di Admont Mostra speciale GWK (c) Thomas Sattler www
Mostra ©Thomas Sattler 23 e1634721046113
Mostra nera 2020 DSC 9178 in scala
Mostra ©Thomas Sattler 29 1 e1634720914694
Luoghi di esposizione 2020470 in scala e1627501445518