Foresta

Abbazia di Admont - agricoltura e silvicoltura attraverso i secoli

STIFT ADMONT - AGRICOLTURA E SILVICOLTURA NEL CAMBIAMENTO DEL TEMPO 

 

Quando l'Abbazia di Admont fu fondata, 950 anni fa, la base economica per l'istituzione e lo sviluppo del monastero era costituita da un'ampia dotazione di proprietà e diritti d'uso. 

Nel sistema giuridico del Medioevo, i signori del maniero (famiglie nobili e monasteri) avevano la leadership politica e la giurisdizione e offrivano ai loro sudditi sicurezza e protezione militare. In cambio, dovevano pagare il padrone in natura sotto forma di cibo o fornire manodopera e servizi di trasporto per la coltivazione delle terre loro assegnate. Solo con gli sconvolgimenti sociali della metà del XIX secolo, gli ex sudditi delle tenute agricole che abitavano divennero liberi agricoltori e non dovettero più pagare in natura. Oggi, i terreni agricoli e i pascoli montani rimasti di proprietà del monastero sono gestiti da agricoltori della regione sulla base di contratti di affitto e diritti di utilizzo.

Per secoli, lo sviluppo e l'utilizzo delle foreste dell'abbazia è stato legato allo sviluppo dell'attività mineraria e alla lavorazione dei minerali estratti. Il legno veniva utilizzato principalmente come fonte di energia per la lavorazione dei minerali e l'estrazione del sale. Solo con la costruzione delle ferrovie nella seconda metà del XIX secolo e la conseguente possibilità di trasportare il carbone agli altiforni delle ferriere, il legno perse la sua importanza come fonte di energia per l'industria. La ferrovia ha anche reso possibile il trasporto del legno su distanze più lunghe.

 

Con la ricostruzione dopo la Seconda Guerra Mondiale, l'uso del legno per la produzione di segati e la fabbricazione di carta e cartone ha acquisito un'importanza senza precedenti. L'uso delle macchine ha rivoluzionato la raccolta del legname. Lo sviluppo intensivo delle aree forestali negli ultimi 70 anni, con strade forestali percorribili dagli autocarri, ha finalmente reso possibile il passaggio da un taglio netto su larga scala a un utilizzo più naturale e su piccola scala e alla rigenerazione naturale dei popolamenti forestali. Nel sistema feudale, la caccia era riservata a una classe superiore privilegiata, ma, come la pesca, serviva anche a fornire cibo. Nella seconda metà del XX secolo, la sua importanza come fonte di cibo è diminuita e il valore emotivo dell'esperienza venatoria è venuto alla ribalta. Attualmente, la caccia nella tenuta del monastero si sta sviluppando nella direzione di una gestione ecologicamente sostenibile della fauna selvatica, con l'obiettivo di ottenere popolazioni di selvaggina adattate alla capacità di carico dell'ecosistema.

Le attività forestali dell'abbazia producono attualmente circa 85.000 metri cubi di legno all'anno in modo ecologicamente ed economicamente sostenibile come materia prima per l'industria regionale delle segherie, della carta e della cellulosa. La sfida dei prossimi decenni, soprattutto in vista dei cambiamenti climatici provocati dall'uomo, è quella di organizzare i popolamenti forestali in modo tale da garantire per il futuro la fornitura sostenibile della versatile materia prima biogenica legno e di numerosi altri servizi dalle foreste dell'Abbazia di Admont, importanti per l'uomo.

Abbazia di Admont - Caccia al Forte © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Caccia al Forte © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner
Foresta
Foresta
Foresta
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner
Foresta
Foresta
Abbazia di Admont Amministrazione forestale Trieben
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Caccia nella foresta © Stefan Leitner