Chiesa di pellegrinaggio di Frauenberg - Frater Josef e Frater Georg © Sabine Breitfuss

Perché i giovani diventano monaci

PERCHÉ I GIOVANI DIVENTANO MONACI 

 

Fratel Georg Roth e Fratel Markus Kraemer sapevano fin dall'infanzia di voler diventare sacerdoti. Entrambi sono entrati nel monastero benedettino di Admont, dove vogliono lavorare in una delle parrocchie incorporate.

Professore Markus c Thomas Sattler www

Nel monastero benedettino di Admont vivono oltre venti monaci. Colpisce la bassa età media. Alcuni monaci hanno appena trent'anni. Fratel Markus Kraemer è ancora più giovane. Ha emesso la professione temporanea all'età di ventinove anni. Ha promesso di impegnarsi nel monastero per tre anni. Racconta di aver sentito il desiderio di diventare sacerdote già da bambino. Esperienza chiave: il funerale della madre della sua madrina. "È stata la prima volta che ho sentito la speranza cristiana", ricorda Frater Markus. Nonostante le sue aspirazioni di carriera iniziali, ha studiato economia aziendale. Solo in seguito è passato alla teologia. E lo ha fatto "anche se a quel tempo non era ancora chiaro dove il viaggio lo avrebbe portato", dice Frater Markus. Perché alla fine ha deciso per la vita monastica? "Perché fare il sacerdote in una diocesi non sarebbe mai stata un'opzione per me. Avevo semplicemente troppa paura della solitudine. Nel monastero non sono solo. Qui ci sono molte persone con cui vivo e prego insieme. È molto familiare". C'erano anche motivi contrari? "Sì, la grande distanza tra il monastero e la casa dei miei genitori". 

Nato e cresciuto a Bonn, entrare nel monastero benedettino di Admont è stato un grande passo per Frater Markus anche in termini di posizione: "La salute di mio padre non è molto buona e se le sue condizioni peggiorano, non sono dietro l'angolo". Il motivo per cui ha comunque deciso di optare per la vita monastica ad Admont è la sua fiducia in Dio, come dice lui stesso: "Sono sicuro che lui è lì per risolvere tutto se io non ci riesco".

Trovare un'attività 

La fiducia in Dio ha rafforzato Frater Georg Roth anche nella sua decisione di condurre una vita da monaco. L'uomo di Würzburg è entrato nel monastero all'età di ventiquattro anni. È successo otto anni fa. All'epoca aveva scelto un ordine nascente in Austria. Ma "con il passare degli anni mi sono reso conto che la mia idea di casa non corrispondeva a quella dell'ordine. Così ho deciso di unirmi a un'altra comunità", racconta Fratel Georg. L'ha trovata nel monastero benedettino di Admont: "Apprezzo la connessione tra lo spirituale e il pratico". Una combinazione che deriva dalla Regola di San Benedetto: Ora et labora et lege. Pregare, lavorare e leggere. "È bello essere portati dalla preghiera comune e allo stesso tempo poter svolgere un compito all'interno dell'ordine", dice Frater Georg. Nel suo caso, l'obiettivo del teologo in erba non è un solo compito, ma diversi. Dopo la laurea, Frater Georg vuole lavorare come sacerdote ed educatore religioso. Opportunità che gli si aprono qui al monastero benedettino di Admont. 

 

Una decisione non facile

Come Fratel Markus, anche Fratel Georg aveva già da bambino il desiderio di diventare sacerdote. Ma è stato solo dopo una formazione come meccanico industriale che ha ritrovato la sua vocazione. Ci sono stati motivi per cui non è entrato in monastero? Sì, ci sono stati, conferma Fratel Thomas: "Mi sono reso conto che non avrei visto la mia famiglia e i miei amici così spesso". La decisione a favore della vita monastica non è stata quindi facile per me, ed è per questo che ho avuto bisogno di tempo per pensarci". La separazione è stata dura anche per i suoi genitori e fratelli, dice Frater Georg. "Sapendo quanto sia stato difficile per la mia famiglia all'inizio, il fatto che ora ci vediamo meno spesso, sono ancora più grato per il loro sostegno alla mia vocazione di sacerdote e religioso". 

Chiesa di pellegrinaggio di Frauenberg - Frater Josef e Frater Georg © Sabine Breitfuss

Seguire la chiamata di Dio

E che dire del desiderio di formare una famiglia propria? La risposta è sorprendente: "Non è mai stato un problema per me", dice Frater Georg con franchezza. Ma lo è stato per Fratel Markus, come dice lui stesso: "Naturalmente ci si chiede anche se si vuole creare una famiglia un giorno. Ma se Dio ti chiama, allora devi seguirlo. Io voglio intraprendere questo cammino. E se la conseguenza è quella di non avere una famiglia propria, ben venga. In definitiva, come monaco si rinuncia a molto. Ma in compenso si ottiene molto di più".

Chiesa di pellegrinaggio di Frauenberg - Frater Josef e Frater Georg © Sabine Breitfuss
Chiesa di pellegrinaggio di Frauenberg - Frater Josef e Frater Georg © Sabine Breitfuss
Professore Markus c Thomas Sattler www
Professore Markus c Thomas Sattler www
Professore Markus c Thomas Sattler www
Abbazia di Admont Vestizione di Frater Markus 5
Chiesa di pellegrinaggio di Frauenberg - Frater Josef e Frater Georg © Sabine Breitfuss
Abbazia di Admont - Professore Frater Markus © Thomas Sattler
Professore Markus c Thomas Sattler www
Chiesa di pellegrinaggio di Frauenberg - Frater Josef e Frater Georg © Sabine Breitfuss
Chiesa di pellegrinaggio di Frauenberg - Frater Josef e Frater Georg © Sabine Breitfuss
Abbazia di Admont Vestizione di Frater Markus 7