Rosarium 1

Tempo libero in un monastero: una visita ai Benedettini

TEMPO LIBERO AL MONASTERO: VISITA AI BENEDETTINI

 

Sono molte le ragioni che spingono le persone a trascorrere del tempo in un monastero. Per cercare un significato, per ritrovare se stessi o semplicemente per trovare pace e tranquillità. L'Abbazia di Admont accoglie chiunque voglia immergersi nella spiritualità benedettina e conoscere la vita in un monastero.

Si sta concludendo un'estate intensa per il Padre Sottopriore Thomas Stellwag-Carion. Oltre a molti altri compiti, il monaco benedettino è responsabile della sistemazione degli ospiti, "che non dovrebbe mai mancare nel monastero", come sottolinea il maestro degli ospiti. Ma nel monastero benedettino di Admont non c'è dubbio. "L'offerta di pernottare nel nostro monastero è ben accolta", dice padre Thomas. Sebbene ci siano più di venti stanze disponibili per accogliere gli ospiti, la capacità spaziale del monastero raggiunge talvolta i suoi limiti. Allora si fa appello alla creatività. A volte un gruppo di pellegrini viene rapidamente ospitato nella palestra del ginnasio del monastero. "Spesso riceviamo richieste con pochissimo preavviso", dice padre Thomas. Invece di cancellare, l'ospite si dimostra flessibile. Perché "all'Abbazia di Admont i pellegrini non vengono mai respinti se è possibile farlo in qualche modo", come sottolinea padre Thomas. 

Dopotutto, San Benedetto aveva già affermato: "Tutti gli ospiti che vengono devono essere accolti come Cristo". Una regola valida allora come oggi.

Abbazia di Admont - Padre Thomas con libro © Stefan Leitner

Trovare pace ed equilibrio

 

L'ospitalità è quindi una priorità per l'Abbazia benedettina di Admont. È sempre stato così. Non per niente i monasteri, con i loro ostelli per pellegrini e le loro camere per gli ospiti, sono considerati le prime "locande" d'Europa. Allora come oggi, monaci e monache di altri monasteri sono accolti calorosamente insieme ai pellegrini. Questo vale anche per i familiari e gli amici dei monaci benedettini di Admont. Anche coloro che "vogliono immergersi nello spirito in un'atmosfera spirituale" sono i benvenuti, dice il maestro degli ospiti. E sono molti. Sempre più persone visitano il monastero per concedersi un po' di tempo in un luogo di tranquillità. 

"Alcuni sono sull'orlo del burnout. Altri vogliono calmarsi e ricaricare le batterie. E molti vengono da noi perché stanno attraversando una crisi", dice padre Thomas. Per aiutarli ad affrontare la situazione, i monaci offrono consulenza e guida spirituale. Questo include anche ritiri. Esercizi spirituali progettati per aiutare le persone a liberarsi dal ritmo frenetico della vita quotidiana e a ritrovare se stesse. A tal fine, si trascorrono diversi giorni in silenzio, in preghiera e talvolta in dialogo con i monaci.

 

"Non siamo un hotel, né vogliamo esserlo".

 

Padre Thomas riceve spesso richieste da parte di gruppi numerosi. Questo perché le organizzazioni ecclesiastiche organizzano incontri annuali, ritiri e conferenze presso l'Abbazia benedettina di Admont. La preparazione del loro soggiorno è sempre una sfida per il maestro degli ospiti: occorre predisporre sale per seminari e conferenze, rifornire i frigoriferi e organizzare gli spuntini. Il personale del monastero lo aiuta, "e si sforza di esaudire ogni desiderio degli ospiti con una pazienza e una cordialità incredibili", dice padre Thomas, elogiando il suo team. 

Di solito è lui stesso a occuparsi dell'accoglienza dei visitatori. "Non siamo un albergo e non vogliamo esserlo. Per questo non abbiamo una reception. Qui al monastero, sono personalmente presente per i nostri ospiti. Consegno loro le chiavi e a volte li accompagno anche in giro". Su richiesta, sono disponibili anche visite guidate ai giardini di erbe o alla chiesa collegiata.

 

La spiritualità benedettina nella vita quotidiana

 

Ci sono anche camere individuali per gli ospiti nel chiostro, l'ala residenziale dei monaci benedettini di Admont. "Tuttavia, queste camere non sono disponibili per tutti gli ospiti", spiega padre Thomas. E chi viene ospitato qui? "Confratelli di altri monasteri e anche oblati", dice il maestro degli ospiti. Gli oblati non sono monaci, ma hanno un forte legame con la comunità monastica e possono partecipare alla vita monastica. Il prerequisito per questo: "Gli oblati vogliono vivere la spiritualità benedettina nella vita quotidiana. Sono guidati dai valori cristiani e si dedicano regolarmente alla preghiera", spiega padre Thomas. 

 

Monastero temporaneo

 

Oltre agli Oblati, anche gli ospiti che usufruiscono del programma "monastero temporaneo" possono trasferirsi in una stanza del chiostro. Questo programma è rivolto agli uomini che stanno pensando di entrare nell'ordine. 

"Offriamo loro l'opportunità di sperimentare la vita quotidiana del monastero con noi, di partecipare alle preghiere del coro e di familiarizzare con i nostri vari compiti", dice il maestro degli ospiti. Per quanto diverse possano essere le ragioni per trascorrere qualche giorno con i benedettini di Admont, "per me è importante che tutti i nostri ospiti si sentano a casa", dice padre Thomas, che sottolinea: "È davvero appagante prendersi cura delle persone e mostrare loro quanto sia importante per noi benedettini assumerci la responsabilità sociale attraverso la nostra ospitalità".

 

Abbazia di Admont - Archivio dell'abbazia © Thomas Sattler
Abbazia di Admont - Archivio dell'abbazia © Thomas Sattler