Casa di cura Frauenberg © Thomas Sattler

Quando c'è bisogno di me, io ci sono.

QUANDO C'È BISOGNO DI ME, IO SONO LÌ 

 

L'assistenza ai malati è una missione fondamentale dei monasteri benedettini. All'Abbazia di Admont, è padre Gabriel Reiterer ad avere un orecchio aperto per le persone bisognose di cure e ad amministrare i sacramenti. e celebra con loro le feste della Chiesa. 

La biblioteca dell'abbazia di Admont ospita 70.000 volumi. Se si include l'archivio, il patrimonio librario dell'Abbazia benedettina di Admont comprende circa 200.000 opere. Una parte significativa di queste è costituita da libri di farmacia e medicina. Contengono ricette storiche per la produzione di medicinali, tinture, unguenti e tisane. Alcune di queste ricette sono utilizzate ancora oggi nella farmacia del monastero di Admont, come le gocce chiarificanti per favorire la digestione. Gli autori di questi libri erano monaci che mettevano per iscritto le loro conoscenze sulle piante medicinali, aprendo così la strada alla medicina moderna. Le erbe e le piante medicinali venivano coltivate nel giardino del monastero, che esiste ancora oggi presso il monastero benedettino di Admont. Del resto, la cura dei malati è saldamente ancorata alla Regola di San Benedetto, padre fondatore dell'ordine benedettino, ed è quindi una missione fondamentale del monastero, sia allora che oggi.

Per carità cristiana 

Oltre alla cura dei malati, anche l'assistenza alle persone bisognose di cure è un aspetto essenziale della carità cristiana. Costruito nel 1724 come luogo di pellegrinaggio, l'edificio storico accanto alla chiesa di pellegrinaggio sul Frauenberg funge oggi da casa di cura. Per molti anni, i monaci benedettini di Admont hanno gestito direttamente la struttura. Ora la Caritas gestisce la casa di cura sul Frauenberg in stretta collaborazione con le attività della fondazione. Qui lavora anche padre Gabriel Reiterer. 

Il monaco benedettino celebra le funzioni nella cappella interna, fornisce assistenza pastorale, amministra i sacramenti ed è un gradito interlocutore.

 

Regalare il tempo, portare gioia

Padre Gabriel spesso si limita a donare il suo tempo. Poi si siede nel grande giardino d'inverno, che funge da salotto e sala comune, per chiacchierare con gli anziani. 

e gioca a carte. Dopo tutto, dice, dare piacere è anche una parte essenziale dell'assistenza a malati e anziani. Non dimentica nemmeno il personale di assistenza. Regala a ogni membro del personale un piccolo augurio di compleanno. Nel giorno del loro compleanno, padre Gabriel regala loro vino, marmellata fatta in casa e un piccolo libretto con le sue fotografie di fiori.

 

Celebrare insieme le funzioni religiose

Ogni venerdì celebra la Santa Messa con i residenti nella cappella della casa e amministra la comunione. Oltre alle funzioni settimanali, padre Gabriel tiene molto a celebrare la liturgia pasquale: "Voglio dare alle persone l'opportunità di celebrare insieme la Pasqua, la festa più alta della fede cristiana". Padre Gabriel è presente anche a Natale per organizzare la Santa Messa e una serata di musica e canti. Una volta all'anno, il monaco benedettino tiene una funzione commemorativa per coloro che sono morti nelle settimane e nei mesi scorsi. Ha persino celebrato un requiem nella piccola cappella della casa di riposo. Dopo ogni decesso, padre Gabriel mette una foto del defunto sull'altare e accende una candela per simboleggiare la vita eterna. 

Abbazia di Admont - Padre Gabriel Reiterer O.S.B ©Stefan Leitner

L'orecchio vicino alla gente

Una volta al mese, il monaco benedettino amministra l'unzione degli infermi durante la funzione del venerdì. Questo sacramento viene amministrato in caso di vecchiaia, malattia o incidente. Infatti, in San Giacomo 5,13-15 leggiamo: "Se qualcuno di voi è afflitto, preghi. Se qualcuno di voi è allegro, canti le sue lodi. Se qualcuno di voi è malato, chiami a sé gli anziani della chiesa. Essi dovranno pregare su di lui e ungerlo con olio nel nome del Signore. La preghiera fedele salverà il malato e il Signore lo risusciterà. Se ha commesso dei peccati, gli saranno perdonati". E anche al di fuori della Santa Messa, il sacerdote viene ripetutamente chiamato dai parenti ad amministrare l'unzione degli infermi. Una richiesta che è felice di soddisfare, perché "quando una persona è alla fine della sua esistenza terrena, è importante che senta che non è sola e che Dio è lì per aiutarla". Non importa l'ora del giorno o della notte, come sottolinea padre Gabriel: "Quando c'è bisogno di me, io ci sono". Ed è così da circa dieci anni. I residenti non lo chiamano più solo "il nostro cappellano". Anche il personale cerca di parlare con il monaco benedettino. "A volte è utile avere qualcuno con cui parlare. Non mi imporrei mai, ma se qualcuno cerca un orecchio comprensivo, lo troverà sempre con me", dice padre Gabriel.