Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon Rosarium © Thomas Sattler

Trovare un buon percorso insieme

TROVARE INSIEME UN BUON PERCORSO 

 

Padre Egon Homann è stato sacerdote per trent'anni e consigliere. Si considera un mediatore,  perché "la cura pastorale significa prendersi cura delle persone in essere presenti in ogni situazione di vita e di per offrire un aiuto che viene da Dio", dice la Monaco benedettino.

Ora et labora et lege. Questa è la regola di San Benedetto che, oltre alla preghiera e allo studio delle Sacre Scritture, si concentrava anche sul lavoro. I compiti che ne derivano si collocano in molti ambiti: Istruzione, affari sociali, cultura e amministrazione sono solo quattro esempi delle aree tematiche a cui si dedicano i monaci benedettini di Admont. Padre Egon Homann ha trovato la sua vocazione nella cura pastorale. Dal 2002, oltre alle cinque parrocchie, si occupa anche della "Haus der Begegnung" e del "Münzgrabenheim" di Graz. Lì lavora come cappellano degli studenti. In questa intervista, don Egon parla della natura mutevole della cura pastorale, dell'impegno sociale e della guida spirituale.

 

Il monastero benedettino di Admont celebra il suo 950° anniversario nel 2024. Un periodo di tempo in cui non solo il monastero ma anche la cura pastorale ha potuto svilupparsi ulteriormente?

La cura pastorale è un settore che è cresciuto enormemente durante questo periodo. Nei primi anni e per molto tempo dopo, i monaci non lasciavano il monastero. 

La cura pastorale poteva quindi avvenire solo all'interno delle mura del monastero. Oggi ci occupiamo di 26 parrocchie, della Casa dell'Incontro e del Münzgrabenheim di Graz e siamo quindi vicini alla gente. 

 

La cura pastorale non si svolge più solo dietro le mura del monastero. Oltre alla flessibilità locale, ci sono anche cambiamenti in termini di contenuti?

La cura pastorale è diventata più umana. Proprio come la confessione. In passato, la concezione del peccato era certamente diversa e la confessione era di solito una lunga lista di cose che non funzionavano. Oggi i consulenti conversano sulla vita. La esaminiamo da diverse prospettive e sottolineiamo anche ciò che va bene. In questo modo, cerchiamo di trovare insieme un buon cammino.

 

Lei è responsabile di due strutture per studenti. Cosa comporta questo compito?

L'Abbazia benedettina di Admont gestisce la Casa dell'Incontro a Graz per consentire ai giovani di sperimentare la spiritualità benedettina. Sono presente sul posto per celebrare le funzioni religiose e offrire consulenza e confessione. Le buone conversazioni nascono anche durante le lezioni e le escursioni comuni. Fornisco questo sostegno spirituale anche nel Münzgrabenheim. 

Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon davanti alla chiesa abbaziale di Admont © Thomas Sattler

Lei è anche parroco di cinque parrocchie. Come funziona la cura pastorale che lei fornisce alle persone della parrocchia?

La cura pastorale nelle parrocchie sta cambiando. In passato ci si affidava esclusivamente al parroco, alle suore e agli assistenti pastorali. Oggi, ogni singolo membro della comunità parrocchiale è fondamentale per il funzionamento della pastorale. Quando molte persone impegnate lavorano insieme, si aprono anche approcci completamente nuovi alla soluzione dei problemi. La Caritas parrocchiale ne è il miglior esempio. I volontari aiutano le persone nelle loro immediate vicinanze e possono fare una grande differenza attraverso il loro lavoro di volontariato.

 

Il vostro impegno sociale si estende anche al di là delle vostre attività professionali. In che modo aiutate su base volontaria?

Sono un membro dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Sosteniamo i nostri membri nella loro fede e aiutiamo i cristiani in Terra Santa a trovare un sostentamento. Oltre a raccogliere donazioni, cerchiamo di organizzare varie attività per fornire ai cristiani un reddito sicuro. In definitiva, credo che ci siano innumerevoli opportunità di fare del bene se si è disposti a guardare oltre il proprio naso e a riconoscere i bisogni degli altri. 

 

I sacerdoti hanno talvolta bisogno di consulenza? 

Sì, certo. La cura pastorale dei sacerdoti è diventata estremamente importante nel mondo di oggi. Ho incontrato molti sacerdoti fuori dal monastero che si sentono soli e hanno rinunciato al loro ministero. Sono sacerdote da oltre trent'anni, ma non mi sono mai sentito solo. Come benedettino, fai parte di una comunità che si sostiene a vicenda ed è sempre presente quando hai bisogno di qualcuno con cui parlare. Ci sono sempre più compiti che possono essere svolti solo fuori dal monastero. Quindi è bello sapere che c'è un posto dove possiamo sempre tornare. Un luogo che è la nostra casa.

 

Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon Rosarium © Thomas Sattler
Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon Rosarium © Thomas Sattler
Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon © Thomas Sattler
Abbazia benedettina di Admont - Padre Egon Chiesa abbaziale di Admont © Thomas Sattler
Abbazia benedettina di Admont - Giardino delle erbe di Padre Egon © Thomas Sattler