950 anni vivere Monastero

Prefazione dell'abate Gerhard

Abbazia benedettina di Admont - Abate Gerhard Hafner © Stefan Leitner

950 anni dell'Abbazia benedettina di Admont

Abbazia di Admont
1074 – 2024

Sono umilmente orgogliosa (questa coppia di parole contrastanti è proprio adatta, perché indica che è stato ed è possibile solo con l'aiuto di Dio), in altre parole: sono umilmente orgogliosa che ci sia una donna all'inizio della storia della nostra casa, Hemma di Gurksenza la quale non esisteremmo. Nella storia del mondo dominata dagli uomini, Dio ha posto a capo della nostra Abbazia di Admont una fondatrice donna, Santa Hemma di Gurk. Con le sue grandi ricchezze, soprattutto in termini di proprietà - anche nell'Alta Stiria -, ne donò un'enorme parte alla Chiesa, affinché potesse essere fondato un monastero. Come sappiamo, non visse per vedere la fondazione di Admont qui sulla terra, ma certamente provò soddisfazione in cielo, per dirla in termini molto terreni, per il fatto che nel 1074 L'arcivescovo Gebhard di Salisburgo ha realizzato la sua volontà.

La vita di Hemma è stata certamente aristocraticamente privilegiata, ma ha dovuto affrontare molte sofferenze e croci, che ha superato grazie alla sua profonda fede cristiana. Non si limitava a recitare doverosamente e piamente le preghiere. Dal suo profondo rapporto con Dio, attraverso la preghiera e l'adorazione, divenne un'attivista esemplare per i poveri e gli svantaggiati del suo tempo e donò gran parte dei suoi beni alla Chiesa per fondare un monastero affinché la fede cristiana potesse essere approfondita nel nostro Paese, si potesse coltivare, rendere possibile l'istruzione e creare un'economia che permettesse ai monaci di vivere e alla gente del villaggio e della regione di trarne beneficio.

Sono umilmente orgoglioso che questo filo conduttore sia rimasto tale fino ad oggi. Dal 1074, una comunità di monaci ha vissuto qui con la regola del San Benedetto di Nursia e noi abbiamo l'onorevole compito di continuare questa missione cristiana oggi. Tre volte al giorno - mattina, mezzogiorno e sera - cantiamo le lodi di Dio nella preghiera corale, il compito più importante di un monaco che obbedisce allo spirito benedettino. Nelle parrocchie che ci sono state affidate, approfondiamo la fede cristiana con le persone che ci sono state affidate, promuoviamo la cultura e l'educazione e trattiamo l'economia che ci è stata data con la massima responsabilità. È un grande dono, nel vero senso della parola, che Dio dia costantemente alla nostra comunità nuove vocazioni spirituali e che ognuno porti la propria storia di vita e di fede. Nonostante tutte le profezie di sventura: Dio chiama ancora oggi i giovani al discepolato spiritualeVogliamo continuare a chiedere a Dio, con umiltà e orgoglio, una discendenza spirituale per la nostra casa. Riponiamo inoltre una particolare fiducia nel nostro santo patrono, il San Biagio.

Infine, sono umilmente orgoglioso del fatto che stiamo vivendo un'economia prospera, sapendo che nulla viene dal nulla: Nulla viene dal nulla, bisogna investire una grande quantità di cervello e di lavoro per vivere un'economia fiorente in questo tempo. Ringrazio i precedenti direttori economici, l'attuale direttore economico e la famiglia Stifter per il loro impegno esemplare nei confronti della nostra organizzazione. Per noi l'economia non è fine a se stessa, il capitalismo economico non è un orientamento interno - dobbiamo adempiere a importanti compiti cristiani ad alta intensità di costi (tra cui il sovvenzionamento della scuola privata cattolica, il mantenimento della vita culturale dell'abbazia, le 26 parrocchie appartenenti all'Abbazia di Admont, cioè il mantenimento di 26 chiese parrocchiali e 26 canoniche, molti progetti sociali della chiesa, un importante sostegno finanziario alla Missione austriaca e, infine, gli stipendi mensili di circa 500 persone impiegate dall'Abbazia di Admont).

Nel mondo secolarizzato di oggi, molte persone trovano sorprendente che un'attività ecclesiastica possa avere successo economico. Tuttavia, è sorprendente per me come abate dover apprendere che anche alcuni ambienti ecclesiastici non sono in grado di accettare il fatto che si possa avere successo economico, forse anche perché - ipotizzo - non hanno fatto ciò che avrebbero dovuto fare molto tempo fa con i beni affidati loro. I talenti che vi sono stati affidati non devono essere sotterrati, ma devono essere utilizzati (si legge nella Bibbia).

Dal 1074, con alti e bassi, si sono cantate le lodi di Dio, si è vissuta la vita cristiana, si è svolto un lavoro economicamente sostenibile - non c'è dubbio che tutto debba essere intensificato, soprattutto nell'area spirituale; non c'è motivo di compiacersi, ma c'è motivo di gratitudine. Sono - siamo - umilmente orgogliosi di Dio.

 

L'abate e il convento dell'Abbazia di Admont gli augurano tanta forza e la benedizione di Dio!

Abbazia di Admont - Foto di gruppo del convento 2024
abtgerhard
Abbazia benedettina di Admont - Abate Gerhard Hafner
Abbazia di Admont - Monaci nella biblioteca del monastero © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nella biblioteca del monastero © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nella chiesa dell'Abbazia di Admont © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nel Museo di Storia dell'Arte © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nella chiesa dell'Abbazia di Admont © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nella biblioteca del monastero © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nel museo © Stefan Leitner
Abbazia di Admont - Monaci nel Museo di Storia dell'Arte © Stefan Leitner
Abbazia di Admont AbateGerhard@Marcel Peda 6
Abbazia di Admont - Monaci nella biblioteca del monastero © Stefan Leitner
Abbazia di Admont Abate Gerhard 25 anni pastore 3