950 anni vivere Monastero

950 anni di monastero vivo

01 / 02

Abbazia di Admont Santa Messa Compleanno Abate (c) Tanja Brunthaler () www

Cari lettori,
Cari lettori!

Sono umilmente orgogliosa (questa coppia di parole contrastanti è proprio adatta, perché indica che è stato ed è possibile solo con l'aiuto di Dio), in altre parole: sono umilmente orgogliosa che la storia della nostra casa sia iniziata con una donna, Hemma di Gurk, senza la quale non esisteremmo nemmeno. Nella storia del mondo dominata dagli uomini, Dio ha posto al centro della nostra Abbazia di Admont una fondatrice donna, santa Hemma di Gurk. Con le sue grandi ricchezze, soprattutto in termini di proprietà - anche nell'Alta Stiria - ne donò un'enorme porzione alla Chiesa, affinché potesse essere fondato un monastero. Come sappiamo, non visse per vedere la fondazione di Admont qui sulla terra, ma certamente provò soddisfazione in cielo, per dirla in termini molto terreni, per il fatto che l'arcivescovo Gebhard di Salisburgo eseguì la sua volontà nel 1074. 

 

LEGGI TUTTO

abtgerhard

Abate Gerhard Hafner OSB

Abbazia di Admont - Direttore economico Franz Pichler © Thomas Sattler

Direttore economico Franz Pichler

Ad multos annos!

L'ufficio del responsabile delle questioni economiche si trova già nella Regola di San Benedetto da Nursia con il nome di Cellerar. Sebbene sia stata scritta 1500 anni fa, ci fornisce ancora oggi importanti impulsi per la cultura manageriale imprenditoriale. Nell'anno giubilare 2024, saremo ancora più consapevoli dell'importanza fondamentale di questa regola per la gestione orientata al valore della nostra azienda. L'Abbazia benedettina di Admont è un centro spirituale, culturale ed economico da 950 anni. Questo non può essere dato per scontato! Ci sono stati momenti belli e brutti, anche vicini alla rovina. E siamo grati di poterlo dire oggi: L'Abbazia di Admont è in buone condizioni. Guarda al futuro con fiducia, anche nei periodi di sconvolgimento e di crisi.  

 

LEGGI TUTTO

1074 - 2024

Viaggio nel tempo

950 anni di Abbazia benedettina di Admont - fede, cultura e divertimento

Leggi il libro Abbazia di Admont

La Regola di San Benedetto - il cuore, la mano e il cervello di un monastero

Quando l'Abbazia benedettina di Admont fu fondata nel 1074, monaci e monache vivevano già da oltre 500 anni secondo la Regola di San Benedetto in tutto il mondo allora conosciuto.

Benedetto nacque intorno al 480 nell'attuale Italia, figlio di un ricco proprietario terriero. Fu mandato a studiare a Roma, ma abbandonò presto gli studi per vivere da eremita sulle montagne dell'Enfide. Ben presto attirò l'attenzione della gente del luogo, tanto che la comunità monastica di Vicovaro lo elesse abate.

Tuttavia, la tensione in questa comunità era così forte che Benedetto lasciò nuovamente il monastero dopo un tentativo di ucciderlo.

 

LEGGI TUTTO

 

Alla ricerca del divino

Viva la diversità. Questo è lo slogan del Museo dell'Abbazia di Admont e colpisce nel segno. Un museo di arte contemporanea, un museo di storia naturale e di storia dell'arte, un'esposizione gotica, manoscritti medievali e stampe antiche, nonché la più grande biblioteca monastica del mondo sono tutti riuniti sotto lo stesso tetto. Grazie a questa ampia offerta, all'originalità e al lavoro di sviluppo, il Museo dell'Abbazia è già stato in grado di affermarsi nei confronti di molte istituzioni rinomate e ha persino vinto il Premio austriaco per i musei nel 2005. Un premio per il quale è stato decisivo anche il programma "Made for Admont". L'idea di fondo: Mostrare l'arte localizzata ad Admont. La pittrice austriaca Lois Renner ha dato il via alle attività nel 2000.

 

LEGGI TUTTO

 

CF

LE MOSTRE DEL GIUBILEO 2024

Aperto dal 20 marzo al 03 novembre 2024

Convento dell'Abbazia di Admont con Papa Francesco

Santo Padre Papa Francesco

Vaticano

Caro abate Gerhard, ho appreso con piacere delle prossime celebrazioni per il 950° anniversario dell'Abbazia benedettina di Admont. Ringrazio Dio per il lungo e benedetto lavoro della vostra comunità in Stiria e oltre. Per intercessione della Beata Vergine Maria, di San Benedetto, di San Biagio e di Sant'Emma di Gurk, il Signore, nella sua bontà, vi mostri tutte le vie della vita e il vostro lavoro continui a portare frutti abbondanti per la glorificazione di Dio e la salvezza delle anime. Dal profondo del mio cuore do a voi e ai monaci, così come a tutti coloro che sono spiritualmente legati all'Abbazia di Admont, la mia benedizione.

Il vescovo Wilhelm Krautwaschl Foto Christian Jungwirth

Dr. Wilhelm Krautwaschl

Vescovo diocesano di Graz-Seckau

Sarebbe interessante vedere come reagirebbero oggi l'arcivescovo Gebhard di Salisburgo e Hemma di Gurk, a 950 anni di distanza, se vedessero l'Abbazia benedettina di Admont... Quanto si stupirebbe Hemma del fatto che le proprietà che ha donato assicurano posti di lavoro nella regione e ben oltre e permettono a molte persone di vivere bene. E anche Gebhard sarebbe felice della fiorente cura pastorale, dell'arte e della cultura che è cresciuta dai primi monaci con il loro motto ora et labora et lege - prega, lavora e leggi. Oggi Admont è giustamente orgogliosa di essere un punto di riferimento religioso nel nord della Stiria e un centro di arte, cultura, scienza e istruzione. Come vescovo della diocesi di Graz-Seckau, sono anche orgoglioso di sapere che questo monastero fa parte della diocesi. Chiunque si avvicini ad Admont deve essere pieno di ammirazione, poiché l'abbazia con la sua chiesa collegiata e il complesso monastico si presenta a chi arriva con stupore. I momenti più bassi della storia del monastero, come le guerre turche, la Riforma, l'incendio del monastero e la crisi economica, sono dimenticati. La biblioteca dell'abbazia è eccezionale a livello mondiale e il museo arricchisce con i suoi vari aspetti della storia naturale e dell'arte dal Medioevo ai giorni nostri. Qui ci si può educare, deliziare e meravigliare - e nel meravigliarsi si riceve un dono: uno sguardo alla grandezza di Dio. Ora et labora et lege in Admont significa che la comunità monastica si riunisce regolarmente più volte al giorno per pregare insieme e i confratelli lavorano nella cura pastorale, nell'insegnamento, nell'educazione e negli affari. Lo scopo di questo ora et labora et lege è quello di pregare Dio, di lavorare alla creazione e di esplorare cose nuove - utilizzando le possibilità del tempo. La comunità monastica di Admont lo fa in modo esemplare da 950 anni. Vorrei chiedere la ricca benedizione di Dio per il futuro per questo atteggiamento coerente della comunità monastica di Admont, che risponde sempre ai bisogni e alle necessità dei tempi ed è presente per le persone - siano esse residenti o visitatori. Che molte persone possano venire all'Abbazia benedettina di Admont, immergersi in un mondo "diverso" e lasciare questo luogo toccato, rafforzato e meravigliato dall'opera di Dio.

Lackner

Dr. Franz Lackner OFM

Arcivescovo di Salisburgo

Quasi un millennio fa, dodici monaci inviati da Salisburgo portarono la Regola di San Benedetto in Alta Stiria. Grazie alla fondazione di Hemma von Gurk e al permesso di Gebhard, l'allora arcivescovo di Salisburgo, fu fondata una comunità monastica che rapidamente mostrò e realizzò il suo potenziale. Admont divenne un centro per la trasmissione della conoscenza e della fede, dove l'amore per Dio e l'amore per la saggezza e la scienza potevano coesistere. Oggi si direbbe: una storia di successo - ma "successo", in termini religiosi, significa sempre anche portare grazia e benedizione. L'Abbazia di Admont è sopravvissuta attraverso i tempi e le sfide più diverse. Ha vissuto il tumulto della Riforma, è stata vittima delle fiamme eppure è stata ricostruita, è stata persino in grado di superare il terrore e la rapina del nazionalsocialismo. Oggi la comunità, la comunità monastica, il personale e, più in generale, la Stiria possono guardare con orgoglio a questo monumento culturale, che non solo custodisce il sapere antico nella sua biblioteca, ma trasmette anche l'educazione e la fede agli alunni in una forma moderna e contemporanea. Uno sguardo alla storia, ma soprattutto alla resilienza di Admont, ci dà speranza per il futuro. Le mie più sentite benedizioni accompagnano il lavoro di questo luogo e di coloro che vi hanno trovato casa.

Sovrintendenza della Stiria ()

Sovrintendente Wolfgang Rehner

Chiesa protestante della Stiria

950 anni di Abbazia di Admont. Saluti e benedizioni dal mondo ecumenico, soprattutto da quello protestante. L'Abbazia di Admont è stata in contatto e in prossimità con i protestanti per metà della sua storia. Nel corso degli anni, l'organizzazione delle aree di contatto è variata notevolmente. Nella visita del 1581, in diversi verbali di conversazione è riportato che la persona al servizio dell'Abbazia di Admont era di parte protestante. Ad esempio: "è della Confessione di Augusta"; "è luterano"; "è indifferente, ha ricevuto il sacramento all'Abbazia di Admont (...) in entrambe le forme"; "è favorevole alla religione, ma con l'aiuto di Dio da conquistare"... All'ambiguità confessionale del XVI secolo seguirono secoli di rigida separazione e antagonismo ecclesiastico. Dopo circa 900 anni di Abbazia di Admont, l'era dell'ecumenismo cominciò a prendere forma per l'abbazia e per i fratelli e le sorelle protestanti nelle sue vicinanze. L'educazione religiosa protestante è ben consolidata nel ginnasio del monastero, l'abate Gerhard è in rete con i protestanti della regione in molti modi fin dai suoi anni come cappellano a Schladming, e l'ospitalità ecumenica può essere sperimentata nel monastero più volte. Vorremmo cogliere l'occasione per esprimere il nostro sincero ringraziamento per questo. Gli sforzi ecumenici in direzione dell'ospitalità eucaristica hanno oggi buone possibilità di essere realizzati. Unisco quindi questi saluti e queste benedizioni in occasione del 950° anniversario con un'espressione di speranza per la continuazione della fraternità che viviamo nella comunità a cui siamo chiamati dal Signore della Chiesa.

Abate Giovanni

Johannes Perkmann OSB

Abate Presidente della Congregazione benedettina austriaca

È qualcosa di notevole poter festeggiare 950 anni di esistenza, soprattutto nei nostri tempi, altrimenti di breve durata, con tutti i loro "momentanismi" e la loro caducità. L'Abbazia di Admont, fondata nel 1074 dall'arcivescovo Gebhard di Salisburgo con i beni di Sant'Emma, è stata da allora molto feconda. Molte cose si uniscono: La benedizione dall'alto, la visione del fondatore e l'energico lavoro dei monaci e di tutti coloro che hanno lavorato qui. L'arcivescovo Gebhard ha investito in tempi difficili, nel bel mezzo di una crisi, e ha così creduto nel futuro. Questo è possibile solo se si ha un concetto valido, una visione chiara e, soprattutto, una fiducia fondamentale in colui "che annuncia il futuro fin dal principio" (cfr. Is 46,10). Essere fondati in Dio, tendere a lui come obiettivo, dare alla ricerca di Dio il primo posto è la base solida per far durare qualcosa. E i monasteri non sono costruiti per risolvere i problemi, ma per lodare Dio in mezzo ai problemi, come scrisse H. Nouwen. In una casa benedettina, le stanze e i tempi sono organizzati in modo tale che la lode di Dio, la ricerca di Dio, abbia davvero un posto. Questo è il primo e duraturo compito dei monasteri. Inoltre, San Benedetto trasmette un concetto spirituale molto olistico, in modo che la fede sia fondata e si confronti con il mondo. Ne derivano molti compiti che l'Abbazia di Admont, come gli altri monasteri, assolve ancora oggi a modo suo. Tra questi, il legame con la creazione e la responsabilità per la terra e il suolo - una preoccupazione sempre presente, soprattutto se si considera la minaccia al clima e alla natura. La difesa delle persone e l'assistenza pastorale sono un'altra pietra miliare della responsabilità globale dei monasteri. San Benedetto aveva un approccio molto pastorale e per lui gli alunni e gli ospiti erano una parte naturale del monastero. Le scuole benedettine si sforzano quindi di fornire più che una semplice formazione sulle competenze attualmente richieste. L'intera persona viene presa in considerazione per risvegliare i talenti spirituali, artistici e creativi e sviluppare il senso sociale. Lo sviluppo storico di molti monasteri li ha resi anche importanti luoghi di architettura, arte e musica. Ciò ha aperto spazi di meraviglia, riflessione e ispirazione. Admont può vantare una ricca storia e costruire su buone basi. Cosa ci riserverà il futuro? Come continuerà? Tomáš Halík, un importante autore teologico del nostro tempo, ritiene che il futuro della Chiesa abbia urgente bisogno di centri spirituali che siano luoghi di culto e contemplazione, ma che offrano anche uno spazio di incontro e discussione per condividere la propria esperienza di fede. Egli pensa esplicitamente al significato spirituale e culturale dei monasteri benedettini, che devono essere valorizzati. Che Admont sia un luogo con un futuro, in modo che possa continuare a lavorare con lungimiranza e fiducia in Dio. Come Presidente della Congregazione benedettina austriaca, vorrei ringraziare l'Abbazia di Admont per tutti i suoi contributi alla vita benedettina in Austria e per tutta la solidarietà all'interno della nostra congregazione, e le auguro sinceramente la benedizione di Dio per il suo anniversario!

Foto Arcivescovo Korbinian small

Dr. Korbinian Birnbacher OSB

Arcivescovo di San Pietro

Il 15 giugno - giorno della festa del fondatore del monastero Gebhard - mi è sempre permesso di rivolgere una parola spirituale ai fratelli di Admont... durante una celebrazione eucaristica. Mi è permesso farlo in quanto abate del monastero che ha inviato i primi monaci ad Admont 950 anni fa. Oltre a cercare di collegare i riferimenti storici e le relazioni monastiche con il presente, come abate del "monastero madre" sono anche in grado di esprimere la mia gratitudine per le numerose e grandi opere di bene che hanno sempre emanato da questa fondazione e continuano a farlo oggi. Le innumerevoli conquiste economiche, sociali e artistiche che scaturiscono dallo spirito di fede di questo monastero, che può definirsi il più antico della Stiria, parlano da sole. Ho l'impressione che il seme del Vangelo, che viene letto ogni anno nel giorno della memoria dell'arcivescovo di Salisburgo Gebhard, sia germogliato ad Admont. Le Beatitudini del Discorso della Montagna (Mt 5, 1-12a) sono sempre state promesse e rassicurazioni: ... che il regno dei cieli appartiene ai poveri agli occhi di Dio ... che coloro che piangono saranno consolati ... che i miti erediteranno la terra ... che coloro che hanno fame e sete di giustizia saranno saziati ... che i misericordiosi troveranno misericordia ... che i puri di cuore vedranno Dio ... che i figli di Dio saranno chiamati operatori di pace ... che il regno dei cieli appartiene a coloro che sono perseguitati per amore della giustizia. Sì, caro abate Gerhard e cari confratelli di Admont, al di là delle vituperazioni, delle invidie e delle persecuzioni, che non mancano mai, potete davvero gioire e rallegrarvi nel vostro grande anno giubilare: perché la vostra ricompensa sarà grande in cielo! A nome dell'Arcivescovado di San Pietro, desidero ringraziarvi di cuore per la testimonianza della vostra vita - attraverso i secoli - e per la multiforme amicizia, la calda vicinanza e il leale legame tra i nostri due monasteri! Continuiamo a rimanere aperti e svegli nella nostra ricerca di Dio nello spirito di San Benedetto!

Monsignor Glettler - Foto estratto dal video messaggio ©Diocesi di Innsbruck

Hermann Glettler

Vescovo diocesano di Innsbruck

950 anni! Congratulazioni all'abate Gerhard e alla sua comunità e a tutte le persone e organizzazioni che beneficiano di Admont. Ho scelto volutamente questo termine economico perché un luogo di culto vivo e che ha messo in moto molte cose si è rivelato molto favorevole per molti ed è diventato una benedizione. Questa interazione creativa di preghiera, lavoro, studio e ospitalità è stata una miscela apprezzata ad Admont per 950 anni.

 

Al messaggio video

Sr Hanna Jurman(c)DiocesiLinzAppenzeller

SR. Dott.ssa Hanna Jurmann OSB

Monache benedettine di Steinerkirchen

Un piccolo periodo dei 950 anni di storia dell'Abbazia di Admont si intreccia con la storia delle Suore Benedettine del Cuore Immacolato di Maria a Steinerkirchen an der Traun (Alta Austria). L'impegno delle suore di Admont e del Frauenberg si basa sulla missione della nostra comunità, incentrata sulla pastorale e sulla carità. Molte suore hanno vissuto e lavorato nelle parrocchie e nelle organizzazioni ecclesiastiche di quasi tutte le diocesi austriache, soprattutto nei monasteri benedettini. Dal 1956, tre suore (temporaneamente due) sono state inviate ad Admont - come sacrestane nella chiesa collegiale, come infermiere per i sacerdoti e gli alunni e come infermiere parrocchiali per la parrocchia collegiale. In seguito, invece di fare le infermiere, le nostre sorelle hanno assunto compiti nella prelatura. Nei primi tempi della nostra presenza ad Admont, ci furono diversi cambi di personale, ma poi prevalse la coerenza benedettina: Dal 1979 in poi, suor Gertraud Rofner (prelatura), suor Friedburg Stachl (sacrestia) e suor Verena Gstrein (parrocchia collegiale ed educazione religiosa) formarono una piccola e stabile comunità di suore, caratterizzata da benevolenza e sostegno reciproci. Quando Sr Gertraud è tornata alla casa madre di Steinerkirchen nel 2017 a causa di una malattia, ha potuto guardare con gratitudine ai 56 anni di servizio all'Abbazia di Admont. A causa della mancanza di nuove reclute nella nostra comunità, sr Friedburg è rimasta alla fine da sola ad Admont - con una gioia ininterrotta nel suo servizio dal 1974. La vita e il lavoro delle mie consorelle nel monastero erano e sono inseriti in un'atmosfera di accoglienza, apprezzamento e buona collaborazione con i confratelli e la popolazione. Di conseguenza, nel corso degli anni Admont è diventata la casa delle sorelle. Hanno potuto trarre preziosa ispirazione spirituale dalla liturgia varia, bella e accuratamente organizzata nella chiesa collegiale. La chiesa, la parrocchia e la scuola hanno aperto spazi per incontri arricchenti con molte persone. Come priora della nostra comunità, sono grata che le nostre sorelle abbiano trovato ad Admont uno spazio vitale in cui hanno potuto svilupparsi personalmente e spiritualmente. Sono felice del riconoscimento e dell'apprezzamento per la loro esistenza e il loro servizio. Infine, ma non per questo meno importante, sono grato per la calorosa ospitalità che ho potuto sperimentare durante le mie visite qui nel corso degli anni e per i buoni e benevoli contatti a livello visivo. Insieme all'abate Gerhard e ai suoi confratelli, sono molto felice per i secoli di lavoro persistente e fruttuoso e auguro la benedizione di Dio, il coraggio e la creatività per il continuo impegno dell'intera famiglia della fondazione nel lavoro pastorale, nelle scuole, nella cultura e nell'economia - nello spirito di San Benedetto.

DSC Sr M Elisabeth

SR. M. Elisabeth Barlage OSB

Abbazia di Frauenwörth sul lago Chiemsee

Sono ospite dell'Abbazia benedettina di Admont dal 2014 e ho avuto modo di ricaricarmi in questa atmosfera spirituale e paesaggisticamente bella. Più spesso vengo, più mi sento a casa. Io stessa ho il permesso di vivere come monaca benedettina nell'Abbazia di Frauenwörth, sulla bellissima isoletta di Frauenchiemsee. La nostra ex badessa Madre M. Domitilla Veith OSB aveva stretti legami con Admont. Anche molte delle mie sorelle più anziane hanno trascorso lì le vacanze decenni fa. Per Madre Domitilla è sempre stato importante mantenere questi rapporti. Nell'anno precedente alla sua morte, mi lasciò in eredità i suoi documenti su Admont e dintorni. Quando morì, nel gennaio 2014, l'abate Bruno presiedette il requiem. Prima di lasciarci di nuovo, invitò le sorelle del nostro convento a venire di nuovo ad Admont. Ho accettato volentieri questo invito. Sono nata nel nord della Germania, quindi ho viaggiato dal Mare del Nord al Lago Chiemsee. Ci sono voluti diversi anni - fino al 2014 - prima che mi avventurassi in Austria per una vacanza. Nella nostra abbazia, tra le altre cose, sono responsabile dei lavori di costruzione. E più camminavo sulle impalcature, più ero attratto dalle montagne. E così le montagne intorno ad Admont sono diventate sempre più attraenti per me. Ma non sono solo le montagne, sono anche i confratelli benedettini. Come monaca benedettina, l'ambiente benedettino è una necessità per me anche in vacanza. [Conoscevo Fratel Rupert dalla nostra abbazia. Veniva almeno una volta all'anno a portare uno dei due candelabri al mio fianco durante la nostra festa di Irmengard. Anni fa, mi è stato affidato il compito di portare la croce. È un compito onorevole per me]. E più spesso vengo ad Admont, più familiarizzo con i confratelli. Mi fa immensamente bene essere lì e godere della loro ospitalità. I legami tra i nostri monasteri non sono solo di natura individuale. C'è anche un fatto storico che mi colpisce molto. Si tratta del destino del monastero fondato da sant'Hemma a Gurk. Santa Hemma fu la fondatrice di un monastero nella valle dell'Enns. Li consegnò all'arcivescovo Baldovino di Salisburgo per contratto. Trent'anni dopo, nel 1074, l'arcivescovo Gebhard li utilizzò per fondare l'abbazia di Admont. Torniamo al monastero di Gurk. Non gli fu concessa una lunga vita. Fu abbandonato dall'arcivescovo Gebhard nel 1072 e servì come base materiale per la prima diocesi di Salisburgo. L'arcivescovo Eberhard II aveva in mente un destino simile nel 1213, quando intendeva fondare una seconda diocesi. Voleva anche sciogliere il convento di suore sull'isola di Chiemsee per dotarne la nuova sede vescovile. Tuttavia, Papa Innocenzo III ostacolò questo piano. Al contrario, nel Concilio Lateranense del 1215 diede il permesso di stabilire la sede del vescovado (Chiemsee) sulla vicina isola di Herrenchiemsee. Questo piano fu realizzato nel 1216. Così il nostro monastero, l'Abbazia di Frauenwörth, rimase in vita. Vorrei concludere con un ringraziamento. È un onore per me essere stato chiamato a contribuire a questa pubblicazione commemorativa. Vorrei cogliere l'occasione per esprimere la mia grande gratitudine per la rassicurante e generosa ospitalità che ho ricevuto così tante volte. Che Dio benedica l'Abbazia benedettina di Admont affinché sia e sia in un futuro lontano un luogo in cui si cerca e si testimonia Dio, colui che è la vita abbondante a cui tutti aneliamo.

VdB Ritratto CMYK dpi Wolfgang Zajc

Dott. Alexander Van der Bellen

Presidente federale della Repubblica d'Austria

Molte cose durano pochi anni o forse decenni, alcune durano secoli. Tuttavia, è difficile immaginare che qualcosa duri quasi un millennio. L'Abbazia benedettina di Admont è un luogo molto speciale che celebra un anniversario quasi inimmaginabile: ha 950 anni. E con essa un luogo di incredibile bellezza e significato storico, un luogo di spiritualità, conoscenza e arte. E, non da ultimo, un luogo di incontro che riunisce persone provenienti da ogni angolo del mondo. Con una storia così lunga, si è tentati di guardare soprattutto al passato. Tuttavia, le mostre e le collezioni d'arte in continua evoluzione, i diversi laboratori, gli eventi e le collaborazioni dimostrano chiaramente che qui si guarda anche consapevolmente al futuro. Nel 2024, i Musei dell'Abbazia saranno completamente riorganizzati per celebrare l'anniversario, permettendo ai visitatori di viverli in modo nuovo. Quando si parla di Admont, la maggior parte delle persone probabilmente pensa innanzitutto alla magnifica biblioteca del monastero con i suoi tre piani, una delle più belle al mondo. Tuttavia, l'abbazia benedettina con i suoi giardini, la cantina dell'abbazia, la cantina, le 26 parrocchie, il ginnasio dell'abbazia e tutte le altre strutture è davvero un'esperienza completa. Ho anche letto che l'abbazia ha costruito un centro sanitario ed è molto attiva in termini di digitalizzazione. Con tutto ciò, l'Abbazia benedettina di Admont è una grande organizzazione il cui successo è dovuto alle molte persone che ci mettono il cuore e la mente. Tutti loro fanno sì che questo luogo sia pieno di vita, musica e cultura anche dopo tanti secoli. Non solo preservate un bene culturale prezioso, ma contribuite anche a svilupparlo quotidianamente, rendendolo una casa di diversità, apertura e umanità. Mi congratulo sinceramente con l'Abbazia benedettina di Admont per questo anniversario così speciale e le auguro ogni bene.

Governo federale

Karl Nehammer, MSc

Cancelliere federale della Repubblica d'Austria

Nel 2024, il monastero benedettino di Admont potrà guardare indietro a 950 anni di esistenza e alla variegata storia di sviluppo ad esso associata. Quando l'arcivescovo Gebhard di Salisburgo fondò il monastero nel 1074 sulla base di una donazione di Sant'Hemma di Gurk, probabilmente non poteva immaginare quale importante centro monastico sarebbe sorto qui. I primi monaci di allora sarebbero stati certamente pieni di gioia e gratitudine se avessero potuto vedere il lavoro multiforme di quello che oggi è il più antico monastero esistente in Stiria. Nella sua lunga storia, l'Abbazia di Admont ha raggiunto un significato formativo per la regione, nonostante le molte sfide, ed è diventata un centro spirituale, culturale ed economico della regione dell'Alta Stiria. Nello spirito di San Benedetto da Nursia, l'amore per Dio e per il prossimo e la cura pastorale sono al centro del convento. La vicinanza alle persone è praticata dalla comunità monastica in vari modi. Il monastero benedettino di Admont svolge un ruolo importante anche nei settori dell'istruzione, della scienza, dell'arte e della cultura. Il ginnasio e il museo del monastero sono molto conosciuti. La biblioteca del monastero più grande del mondo, una sintesi barocca delle arti, è di particolare importanza artistica e storico-culturale. Il monastero benedettino è anche un importante datore di lavoro in numerose imprese commerciali. Vorrei sottolineare il prezioso contributo che la comunità monastica offre nel trasmettere valori indispensabili nella nostra società. L'impegno per un'interazione pacifica, la solidarietà e un fondamento etico comune contribuiscono al funzionamento della nostra società. L'importanza della responsabilità sociale e del rispetto reciproco può essere trasmessa soprattutto quando si lavora con i giovani. La vita e l'opera dei monaci di Admont sono anche un esempio della forza significativa della fede e della carità, che ci dà sostegno e orientamento. Il 950° anniversario è una degna occasione per celebrare quanto è stato realizzato fino ad oggi, per promuovere ulteriormente l'attuale vitalità del monastero e per guardare al futuro con ottimismo. Desidero ringraziare l'attuale comunità monastica e la sua guida, l'abate Gerhard Hafner, per il loro multiforme impegno. Auguro a voi, a tutti i dipendenti delle aziende del monastero, ai lettori della rivista del monastero e a tutti coloro che hanno a cuore l'Abbazia di Admont il meglio e il piacere di leggere questo numero dell'anniversario.

Governatore

Christopher Drexler

Governatore della Stiria

I monaci benedettini vivono nell'Abbazia di Admont secondo la Regola benedettina dal 1074. "Ora et labora et lege" non caratterizza solo la vita quotidiana del monastero, ma plasma anche l'intera regione grazie ai suoi diversi campi di attività. Con la sua biblioteca e i suoi musei, l'Abbazia di Admont è una parte essenziale del panorama museale della Stiria e un'importante attrazione per cui la nostra patria è conosciuta ben oltre i suoi confini. La biblioteca del monastero non è solo un'opera d'arte completa, ma con i suoi 70.000 libri antichi è anche un deposito di conoscenze che si è sviluppato nel corso dei secoli. Con il ginnasio, il convento gestisce anche una delle più grandi scuole della regione e contribuisce in modo significativo a trasmettere il patrimonio di conoscenze del monastero e a svolgere un ruolo chiave nell'educazione delle generazioni future. Il monastero è anche un importante datore di lavoro e fattore economico nella regione e oltre. Dalle operazioni forestali alla generazione di energia e alla produzione di vino, il monastero è attivo in molti settori, genera valore aggiunto regionale e impiega fino a 500 persone in Stiria. Allo stesso tempo, il monastero è attivo anche nel settore sociale, dal Centro sanitario di Admont al proprio centro per anziani. Il monastero è particolarmente influente nell'ambito della fede, occupandosi di numerose parrocchie della regione. Il convento sta anche cercando di trovare modi moderni e alternativi di comunicare la fede, ad esempio offrendo un programma spirituale attraverso i social media. Con il suo ampio lavoro, il convento ha già plasmato secoli di storia della Stiria e continuerà a contribuire a una Stiria degna di essere vissuta anche in futuro. Desidero quindi congratularmi con il convento per il suo 950° anniversario e, in qualità di Governatore della Stiria, ringraziarlo per i numerosi compiti e il contributo sociale che i monaci del convento intorno all'abate Gerhard Hafner OSB svolgono regolarmente. Un "Glück auf" stiriano!

Il nuovo governatore del distretto di Liezen, HR Dr Christian Sulzbacher, e il nuovo direttore della filiale, Mr Nico Groger

HR Dr Christian Sulzbacher

Governatore del distretto di Liezen

Cari lettori Nel 1074, 950 anni fa, è stata fondata l'Abbazia benedettina di Admont, che in questo lungo periodo si è sviluppata come centro spirituale, culturale ed economico del distretto di Liezen. Nonostante le numerose trasformazioni e i cambiamenti, il monastero è sempre stato un fattore di stabilizzazione, non solo dando forma attiva alla vita del nostro distretto, ma anche essendo economicamente attivo in molti modi e quindi creando e mantenendo posti di lavoro. In tutti questi anni, l'Abbazia benedettina di Admont si è anche impegnata a fondo per operare in modo sostenibile e preservare la natura. Soprattutto la gestione rispettosa della natura delle foreste nell'ambito della silvicoltura ecologica è stata un modello importante per altre operazioni forestali e per l'agricoltura di questi secoli. Anche i compiti culturali ed educativi che il monastero ha assunto in modo esemplare sono di straordinaria importanza per l'intera regione. Il lavoro pastorale è stato mantenuto e intensificato con grande impegno, nonostante gli enormi problemi che sono ripetutamente sorti. È un onore speciale per me congratularmi con l'Abbazia di Admont in occasione del suo 950° anniversario e ringraziarla per la sua straordinaria collaborazione. Auguro al monastero, al convento e a tutti i confratelli un continuo successo, nonché buona fortuna, salute e la benedizione di Dio nel cammino verso il 1000° anniversario. Che il vostro lavoro abbia successo e porti frutti nell'interesse dell'intero distretto.

Haider Christian

Christian Haider

Sindaco della città mercato di Admont

Quest'anno, noi di Admont celebriamo un anniversario molto speciale insieme all'Abbazia di Admont. L'anniversario "950 anni di Abbazia di Admont" non rappresenta solo 950 anni di vita monastica all'interno delle mura del monastero di Admont, ma affronta anche molti altri temi importanti dentro e fuori Admont. Per la città mercato di Admont e i suoi abitanti, l'Abbazia di Admont con le sue diverse attività offre un gran numero di importanti strutture ecclesiastiche, economiche, culturali, turistiche ed educative e, soprattutto, importanti posti di lavoro nella nostra città natale. Lo Stiftsgymnasium Admont (che ho potuto apprezzare appieno e diplomare con la Maturità) completa l'offerta formativa della nostra comunità, insieme a 3 scuole primarie, una scuola secondaria di primo grado e l'istituto agrario Grabnerhof nell'area delle scuole secondarie generali con un alto livello di istruzione. Le aziende dell'abbazia, soprattutto la "Admonter", non solo sono conosciute in tutto il mondo per i loro prodotti, ma sono anche il principale datore di lavoro del nostro grande comune. Il fornitore di energia "Envesta" rifornisce un gran numero di famiglie con il teleriscaldamento e l'elettricità come importante fornitura di base. Molti sanno che il nostro comune è classificato come comunità residenziale e turistica. Il turismo ad Admont va naturalmente di pari passo con le attrazioni culturali e turistiche dell'Abbazia di Admont, oltre alle offerte paesaggistiche intorno al Gesäuse. La biblioteca del monastero di Admont è uno dei luoghi preferiti dai visitatori, che negli ultimi anni ha conquistato le copertine di tutte le riviste più famose ed è diventata virale in tutto il mondo. Tuttavia, l'area museale è cambiata al passo con i tempi, soprattutto negli ultimi anni, e offre un programma vario con le sue esposizioni e mostre speciali (anche nell'anno del giubileo 2024). Lo sviluppo culturale con i vari eventi ha portato anche molti abitanti di Admont a visitare artisti famosi. Siamo tutti particolarmente orgogliosi del nostro piccolo ma raffinato comprensorio sciistico e ricreativo per famiglie sul Kaiserau. La storia, ma anche il presente e, si spera, il futuro, dimostrano la collaborazione tra l'Abbazia di Admont e la città mercato di Admont. A nome della città di Admont, è quindi un onore speciale per me congratularmi con l'Abbazia di Admont e con tutti i suoi responsabili, i suoi decisori e, soprattutto, i suoi dipendenti per il suo 950° anniversario e augurare loro tutto il meglio per i prossimi anni e decenni. Un "Glück Auf!

DSC ()

Albert Wonaschütz

Professore presso la Admont Abbey Grammar School; direttore del coro della chiesa

"Perciò ti lodiamo con tutti gli angeli e i santi e ci uniamo a loro nel cantare le lodi della tua gloria". Queste parole introducono il "Sanctus", la parte dell'Ordinario cattolico della Messa in cui si esprime chiaramente la coesistenza di liturgia celeste e terrena. Qui diventa evidente la grande importanza che il canto e la musica rivestono negli eventi della funzione, sia attraverso il singolo individuo, che partecipa attivamente con il suo canto, sia attraverso un coro o la musica strumentale, che svolgono il servizio a nome della congregazione. Questa premessa teologica accompagna ogni attività musicale della chiesa: la musica è culto e non concerto. Tuttavia, questo ha anche reso possibile qualcosa che si potrebbe quasi definire un fenomeno unico nelle principali chiese cristiane: l'emergere di una musica di chiesa di enorme portata e di una varietà senza pari. Ad essa sono associati grandi nomi: Bach, Haydn e Mozart e una serie infinita di altri compositori di valore del passato e, sì, anche del presente. L'Abbazia di Admont non è rimasta in disparte nella coltivazione della musica sacra, come testimoniano l'archivio, gli strumenti e la storia del monastero in generale. Soprattutto nel recente passato e nel nostro tempo, molto è stato fatto in questa direzione: Penso alla nuova costruzione dell'organo della chiesa 50 anni fa, all'istituzione del ramo musicale nel ginnasio, alla nomina di un organista a tempo pieno, alla commissione di composizioni (ad esempio il "Salmo della Passione" di Jakob Gruchmann) e molto altro ancora. Per me, come direttore del coro della Stiftskirche e insegnante di musica allo Stiftsgymnasium, è un onore e un piacere poter accompagnare e contribuire a dare forma a questi eventi. Chiunque abbia sperimentato la dedizione con cui i giovani eseguono una Passione di Schütz o gli esperti cantori del coro della chiesa cantano una Messa di Mozart ad maiorem Dei gloriam può capire questa gioia. Vorrei ringraziare il monastero per la sua generosità in tutti gli aspetti della musica sacra e, cosa più importante, per l'apprezzamento che io e gli altri musicisti abbiamo sempre sentito. Auguro questo apprezzamento a tutti i miei successori, affinché la musica nell'Abbazia di Admont continui a fiorire e prosperare nei tempi a venire.