Abbazia benedettina di Admont - Panorama del mercato del monastero © Thomas Sattler

Come un monastero è diventato (anche) un motore economico

COME UN MONASTERO È DIVENTATO (ANCHE) UN MOTORE ECONOMICO 

 

Con le sue fiorenti attività commerciali, l'Abbazia benedettina di Admont è uno dei più importanti datori di lavoro della regione. Le origini di queste attività e le sfide affrontate dai Benedettini di Admont nel corso dei secoli.

Negli ultimi anni, l'Abbazia benedettina di Admont ha effettuato notevoli investimenti per l'ulteriore sviluppo delle sue attività commerciali. Investimenti di cui beneficia anche l'area di Admont. Con circa 500 dipendenti, l'Abbazia benedettina è uno dei maggiori datori di lavoro della regione. I primi anni dell'abbazia non sono stati sotto una buona stella. La fondazione del monastero nel 1074 coincise con la Controversia delle Investiture. Questa disputa tra il re e il papa ebbe un forte impatto anche sulla neonata abbazia benedettina di Admont. L'atteggiamento del fondatore, l'arcivescovo Gebhard di Salisburgo, fedele al Papa, rese i benedettini di Admont bersaglio di ostilità e violenza. Solo nell'Alto e Tardo Medioevo l'abbazia cominciò a prosperare.

Nel XII secolo, il monastero si riprese dai suoi primi anni difficili e, con l'aiuto degli arcivescovi di Salisburgo, divenne un centro spirituale con un carisma che si estendeva ben oltre la regione. Alla fine del Medioevo, il monastero era diventato anche uno dei principali centri di cura, scienza, cultura e arte della Stiria. Poiché gli abati di Admont sapevano come accrescere i loro possedimenti attraverso un'abile gestione economica, in questo periodo prese piede anche lo sviluppo economico del monastero. Ben presto il monastero benedettino ottenne ricche dotazioni anche in Carinzia, Tirolo, Salisburgo, Baviera, Alta e Bassa Austria, che gli permisero di finanziare un ampio sistema assistenziale, attività artistiche e un efficiente scriptorium.

Abbazia benedettina di Admont - Panorama del mercato del monastero © Thomas Sattler

Spopolamento e smaltimento forzato

Dopo questo periodo di massimo splendore, l'abbazia benedettina entrò in un periodo di declino all'inizio del XVI secolo. Come quasi tutte le case religiose del Paese, l'abbazia di Admont dovette pagare per le guerre turche e nel 1529 dovette vendere un quarto dei suoi possedimenti. Nel corso di alcuni decenni, quasi tutte le proprietà situate al di fuori della Stiria furono vendute. Le conseguenze della Riforma furono ancora più gravi. Le nuove idee avevano messo in moto un vero e proprio spopolamento del monastero, a causa del quale nel 1581 erano rimasti solo due monaci nell'abbazia di Admont. Solo con la Controriforma, motivata dalla politica ecclesiastica, si riuscì a garantire la continuità dell'abbazia. Ad Admont furono inviati abati energici, che riuscirono a ristabilire una solida base economica e personale e a riportare il monastero alla sua antica forza.

Admont Abbey Grammar School - foto esterna © Thomas Sattler

 

Il secondo centro educativo più grande della Stiria

Con la fondazione di un ginnasio nel 1644, l'abbazia benedettina non solo riuscì a porre un'importante pietra miliare nella storia del monastero, ma anche a evitare la sua imminente scomparsa. Sebbene il governo avesse già deciso di chiudere il monastero nel corso della tempesta monastica giuseppina del 1780, l'abbazia benedettina continuò a operare. Una delle ragioni è il suo forte impegno nell'istruzione. Oltre al ginnasio, nel 1777 i benedettini di Admont fondarono anche una "scuola secondaria normale" con relativo apprendistato e gestirono una scuola filosofica e un programma di studi teologici. Grazie a questa vasta gamma di corsi, il monastero era diventato il secondo centro educativo della Stiria ed era quindi in grado di garantire la continuità del monastero. 

A partire dal 1804, i benedettini di Admont ebbero un'influenza significativa anche sull'istruzione nel capoluogo di provincia. Per diversi decenni si occuparono dell'insegnamento presso il ginnasio di Graz e, a volte, ricoprirono anche alcuni incarichi di insegnamento presso l'università del capoluogo. 

Creazione delle prime aziende

Per quanto splendido fosse il monastero benedettino all'inizio del XIX secolo, la sua situazione economica era diventata disastrosa. Ciò era dovuto principalmente alle guerre francesi, che ebbero un impatto significativo sugli eventi politici ed economici dell'epoca. La fine delle strutture amministrative e operative signorili pose il monastero benedettino di fronte alla sfida di trovare nuove fonti di reddito. Dopo tutto, gli approvvigionamenti dalla natura, il lavoro e i pagamenti in denaro da parte dei numerosi sudditi avevano costituito per secoli la base dell'economia del monastero, che infine crollò con la rivoluzione del 1848. Il motivo per cui, con grande sforzo, fu finalmente possibile riorganizzare le finanze del monastero fu che il monastero benedettino aveva già stabilito un secondo pilastro dal XVII secolo: le sue imprese commerciali. L'industria mineraria e quella del ferro furono le prime. Anche l'industria del vino nelle tenute situate nell'attuale Slovenia veniva promossa già all'epoca. Vecchi documenti mostrano che già nel XVII secolo la metà di tutte le entrate provenivano da queste aree. All'epoca, la silvicoltura svolgeva ancora un ruolo secondario. Il motivo era che il monastero benedettino, pur disponendo di vaste foreste, doveva metterne la maggior parte a disposizione del sovrano per la produzione di carbone di legna. 

 

Da un'economia fiorente a un crollo finanziario

Intorno al 1840, il monastero benedettino cessò l'attività estrattiva così come tutti gli altri settori dell'industria del ferro. Il mulino a martelli di Trieben, che un tempo era stato il più grande di tutta la Stiria, fu convertito in una fabbrica di lamiere. Allo stesso tempo, le foreste precedentemente espropriate poterono essere nuovamente utilizzate, rendendo la silvicoltura un importante pilastro dell'economia del monastero alla fine del XIX secolo. Qualche decennio più tardi, l'Abbazia di Admont aprì nuove strade con la costruzione della prima centrale elettrica, ponendo nel 1911 la prima pietra dell'odierna società di fornitura di energia elettrica ENVESTA. Nel 1921 fu ristabilito il ginnasio dell'abbazia dopo un'interruzione di 100 anni. Solo due anni dopo fu aperta una segheria, da cui molti anni dopo sarebbero nate STIA e Admonter AG. In questo periodo l'economia del monastero benedettino fiorì a tal punto da poter acquistare e restaurare anche opere d'arte. Tuttavia, la ripresa fu di breve durata. Dopo pochi anni, l'abbazia perse ingenti somme di denaro che aveva investito in obbligazioni di guerra in uno spirito patriottico. Denaro che sarebbe stato urgentemente necessario nel corso della crisi economica successiva al 1930. La crisi economica mondiale innescata dal "venerdì nero" si fece sentire anche ad Admont: Enormi quantità di legname furono portate in Austria dall'Unione Sovietica a prezzi di dumping, causando il crollo dell'industria forestale nazionale. Per il monastero benedettino, il settore economico più importante dell'epoca crollò quasi di colpo. Anche l'azienda vinicola, a causa di diverse vendemmie fallite in successione, portava un reddito molto basso e non era quindi in grado di stabilizzare le finanze del monastero benedettino. Per continuare a pagare stipendi e salari, si dovette ricorrere a prestiti, mentre si accumulava un notevole debito fiscale. Per scongiurare la minaccia di bancarotta, nel 1935 fu affidata la gestione dell'abbazia benedettina di Admont all'esperto direttore economico di Kremsmünster, padre Bonifaz Zölß. Egli ordinò non solo un rigoroso programma di risparmio, ma anche la vendita di alcune proprietà. Negli anni successivi furono venduti l'Admonterhof di Graz, il Castello di San Martino vicino a Graz, il Ratzerhof vicino a Marburgo e la prepositura di Zeiring a Pölstal, oltre a diverse proprietà minori. Tuttavia, poiché il ricavato delle vendite non era ancora sufficiente a ripagare la montagna di debiti, furono vendute anche numerose opere d'arte e libri di valore. Dipinti e sculture gotiche, tra cui la Madonna di Admont, e più di 70 manoscritti medievali, oltre a numerose opere antiche stampate, furono convertiti in denaro o consegnati direttamente alle autorità fiscali. Alla fine del 1937, la ristrutturazione era sostanzialmente completata e la ripresa economica fece il resto per rimettere in sesto le finanze.

 

Espropriazione e rivoluzione tecnica La gioia di questo successo fu però di breve durata: Il disastro della crisi economica mondiale fu seguito dall'esproprio da parte del regime nazista nel 1939. La cosiddetta "amministrazione fiduciaria" da parte di un SS-Sturmbannführer fu giustificata dalla presunta cattiva gestione economica dei funzionari impiegatizi. Questo nonostante il fatto che i nuovi governanti politici avessero già trovato condizioni economiche ben organizzate al momento del loro insediamento. Dopo la fine della Seconda guerra mondiale, i benedettini di Admont si resero conto con sollievo che le loro proprietà erano rimaste in gran parte immutate durante l'era nazista, ma la restituzione dei loro beni si rivelò un processo laborioso e lungo. Nonostante le difficoltà iniziali, il nuovo inizio fu caratterizzato da sviluppi positivi.

Oltre ai progressi in campo pastorale, educativo e culturale, i monaci di Admont furono anche in grado di realizzare una svolta economica: I benedettini erano saliti sul carro della meccanizzazione in rapido progresso e furono quindi in grado di rivoluzionare le loro operazioni forestali negli anni Cinquanta e Sessanta. L'uso delle macchine permise di costruire rapidamente strade forestali e di organizzare la raccolta del legname in modo molto più sicuro ed efficiente. In questo periodo, anche la coltivazione dei cereali, un tempo praticata su larga scala, fu abbandonata. Al suo posto, l'ENVESTA, allora ancora nota come E-Werk, si sviluppò in un'industria in continua crescita. I benedettini di Admont divennero famosi anche per il loro vivaio, specializzato nella coltivazione di dalie e fucsie.

 

 

02 Envesta©StefanLeitner e1648799138800