b3d2a4d6f5d1518670dff9ee670aac6e L

L'Abbazia di Admont rafforza il turismo della Stiria

Grazie alla crescente popolarità della biblioteca monastica più grande del mondo, Admont si sta affermando come meta turistica anche nell'Europa orientale, in Asia e negli Stati Uniti. L'intera Stiria sta beneficiando di questo sviluppo positivo.

L'Abbazia di Admont rafforza il turismo della Stiria

Lunedì 1 marzo 2021

Il marketing online raggiunge più di 150 milioni di persone

"Noi benedettini consideriamo il nostro compito quello di preservare i beni culturali di valore e renderli accessibili alle persone. Un compito al quale ci dedichiamo da quasi 950 anni e attraverso il quale promuoviamo anche in modo significativo lo sviluppo del turismo nella regione e nell'intero Paese", afferma l'abate Gerhard Hafner OSB a proposito della missione di mediazione culturale dell'Abbazia benedettina di Admont.

Oltre 150 milioni di persone raggiunte

Dal 2018 al 2020, il dipartimento marketing e PR del monastero benedettino ha mandato in giro per il mondo la foto della biblioteca monastica più grande del mondo. Due anni in cui più di 150 milioni di utenti hanno ammirato, condiviso e apprezzato la meraviglia barocca sulle piattaforme digitali. "Il nostro marketing punta a una forte presenza online sui social media, sulle piattaforme di viaggio e culturali. Questo ci ha permesso di aumentare in modo significativo la conoscenza della biblioteca del monastero di Admont", afferma Mario Brandmüller, responsabile del settore Cultura, Turismo e PR dell'Abbazia di Admont. È una strategia che ha scatenato un vero e proprio hype per Admont: Solo su Facebook, il monastero benedettino ha raggiunto quasi 38 milioni di persone in due anni e, come se non bastasse, anche la star dei media statunitensi Oprah Winfrey sta suonando il tamburo della pubblicità. E senza un contratto pubblicitario. "Il club del libro fondato da Oprah Winfrey ha raccomandato un viaggio ad Admont e ha pubblicato una foto della biblioteca dell'abbazia. Ci sentiamo davvero onorati", afferma soddisfatto l'abate Gerhard Hafner OSB, che riferisce che da allora l'abbazia benedettina ha ricevuto numerose richieste di prenotazione da parte di americani.

Cresce la percentuale di ospiti internazionali

Tuttavia, non è solo il monastero benedettino a beneficiare dell'impatto pubblicitario della biblioteca monastica più grande del mondo, ma anche il turismo in tutta la provincia. Tradizionalmente, la Stiria ha un'alta percentuale di visitatori nazionali, poco meno del 64%. La situazione è simile per i pernottamenti: circa il 61% di tutte le prenotazioni proviene dall'Austria. Il monastero benedettino vuole attirare nuovi gruppi target in Stiria attraverso il marketing internazionale. "Riteniamo che le nostre attività ci permetteranno di aumentare significativamente la percentuale di ospiti stranieri nei prossimi due anni", afferma il direttore economico Franz Pichler. Oltre al mercato americano, il monastero benedettino si sta concentrando anche sui mercati dell'Europa orientale e dell'Asia. "Già prima della pandemia di coronavirus, abbiamo lanciato un'offensiva di marketing in Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Slovenia. Stiamo puntando anche alla Russia", afferma il responsabile delle pubbliche relazioni Mario Brandmüller. L'obiettivo principale è quello di attirare il pubblico culturalmente attento con la biblioteca del monastero più grande del mondo e la nuova mostra speciale nel Museo dell'Abbazia sulle due personalità asburgiche Federico III e Massimiliano I. Tuttavia, gli ospiti del nuovo mercato di riferimento non solo dovrebbero incrementare il numero di visitatori del museo, ma soprattutto garantire un aumento dei pernottamenti.

La porta d'accesso al mercato internazionale

Per accedere al mercato internazionale, il monastero benedettino lancia una nuova piattaforma. Le visite digitali di nuova generazione sono possibili sul sito www.cultour.digital. Qui entra in gioco un software speciale che offre un'eccezionale vista a 360 gradi e varie funzioni audio e aggiuntive. "Questo permette ai visitatori di tutto il mondo di esplorare la biblioteca del monastero e il Museo dell'Abbazia di Admont in modo digitale, consentendoci di affermarci a livello globale", afferma Pichler. Poco dopo il lancio in Europa, altri rinomati musei e istituzioni culturali hanno già aderito alla piattaforma. Sono in corso anche trattative per partnership internazionali: "Siamo in contatto con famiglie proprietarie e istituzioni museali di tutta Europa che vogliono condividere la loro offerta culturale su cultour.digital", afferma Brandmüller a proposito della piattaforma in costante crescita. Tuttavia, questi tour digitali non sono destinati a sostituire l'esperienza in loco, ma piuttosto a suscitare interesse per una visita. "La nuova piattaforma è un ponte virtuale verso l'esperienza culturale reale", sottolinea Brandmüller, che ritiene che la sofisticata strategia di marketing del monastero benedettino non solo stia mettendo Admont sulla strada giusta per posizionarsi come destinazione turistica internazionale, ma anche la Stiria nel suo complesso. "Attraverso le nostre azioni di marketing, stiamo rafforzando il turismo della Stiria nel suo complesso a lungo termine", afferma Brandmüller. Questo sofisticato software è stato sviluppato dalla start-up LightCyde di Schladming. "Ci permette di offrire a tutti gli utenti un'esperienza culturale moderna, orientata all'esperienza, interattiva e intuitiva. È stata realizzata una piattaforma culturale internazionale e sostenibile, che tiene conto dell'idea di sinergia e di ampie opportunità pubblicitarie e di marketing per tutte le istituzioni culturali", afferma Thomas Fischbacher, amministratore delegato di LightCyde.

Elogi e riconoscimenti per il lavoro del monastero benedettino arrivano anche dalla provincia di Stiria, dal comune di Admont e dalla Gesäuse TVB.

Barbara Eibinger-Miedl, Consigliere di Stato della Stiria per il Turismo
"La Biblioteca dell'Abbazia di Admont è un bene culturale eccezionale che si è già fatto conoscere in tutto il mondo. Le diverse attività del monastero benedettino per rendere la biblioteca ancora più conosciuta e accessibile anche in tempi di pandemia di coronavirus sono preziose. Stanno contribuendo ad attirare nuovi gruppi target ad Admont e quindi in Stiria. Un grande ringraziamento all'abate Gerhard Hafner e a tutto il team per aver saputo coniugare tradizione e innovazione in un modo tipicamente stiriano", afferma Barbara Eibinger-Miedl, assessore provinciale al Turismo.

Christian Haider, sindaco della città mercato di Admont 
"Un team giovane e impegnato è riuscito a far viaggiare la più grande biblioteca monastica del mondo. Anche il nostro Comune ha potuto partecipare a questo viaggio. Il turismo e la biblioteca del monastero in particolare sono molto importanti per il comune di Admont".

David Osebik, direttore generale dell'Associazione Turistica Gesäuse
Ciò che è stato creato dietro e davanti alle mura del monastero negli ultimi anni sta facendo scalpore nel mondo esterno al monastero. Il team dell'associazione turistica è riuscito a sviluppare il fattore di successo dei social media con il dipartimento culturale del monastero nei primi anni. Il premio statale per le pubbliche relazioni del novembre 2019 è stata la prima e molto notata corona di questo sviluppo. Dal 2020, il monastero è la propria agenzia di successo per i social media e continua il suo percorso verso vette inimmaginabili. I 100.000 follower raggiunti di recente su Facebook parlano da soli. Tuttavia, l'innovazione dell'Abbazia benedettina di Admont non si ferma ai social media. L'anno scorso, il progetto Cultour ha creato una piattaforma culturale digitale che non ha eguali nel mondo. Questo è il risultato di un duro lavoro e di un'enorme competenza, per il quale il monastero e i suoi dipendenti devono congratularsi.