Negozio del Museo Thomas Sattler 27 in scala

Ammonitore Marzizoni

Marzizoni ©Thomas Sattler

Ammonitore Marzizoni

Una ricetta di 300 anni fa dell'ex abate Anton dell'Abbazia di Admont è tornata nel negozio del museo come specialità unica al mondo e affascina i visitatori vicini e lontani con il suo gusto speciale. 

Qual è stata la sfida più grande nel realizzare i marzizoni?

Il dottor Sepp Hasitschka ha trovato questa ricetta molti anni fa, mentre faceva ricerche per il suo libro di cucina monastico negli archivi dell'Abbazia di Admont. Poiché lui stesso non era in grado di cucinarla correttamente, incaricò il mio capo August Stockhammer di ricreare la ricetta originale. Poiché si secca molto rapidamente, questo prodotto non è mai stato incluso nel programma. Tre anni fa mi è stato commissionato di produrre i Marzizoni per il negozio del museo. Essendo a conoscenza dei problemi della ricetta, all'inizio non volevo necessariamente questo ordine. Dopo una consultazione, mi è stato permesso di cambiare la ricetta. Il contenuto di mandorle e di zucchero è lo stesso della ricetta originale. Tuttavia, per rendere i marzizoni più duraturi, utilizziamo una buona parte delle mandorle come marzapane, che consiste in due terzi di mandorle e un terzo di zucchero. Inoltre, la miscela di spezie è stata ridotta per ottenere una piccantezza ancora tollerabile (zenzero). Per una migliore conservazione, utilizziamo cioccolato bianco e rosso. La forma e il colore dei diamanti corrispondono allo stemma dell'abbazia. Ci sono voluti circa 40 tentativi per realizzarlo. Siamo orgogliosi di essere riusciti a realizzarlo in questa forma, perché ci permette di produrre un prodotto unico, disponibile solo da noi in questa forma. Poiché consegniamo porta a porta, vengono prodotti freschi su ordinazione.

Una ricetta vecchia di oltre 300 anni, scritta dall'allora abate Anton dell'Abbazia di Admont, entra nella pasticceria Stockhammer e torna in negozio come prodotto finito.

Cosa c'è di così speciale in questa ricetta e nei suoi ingredienti rispetto alle ricette da forno di oggi?

I benedettini sono molto ospitali e sono noti per godere di una tavola piena. Tuttavia, poiché le festività più importanti cadono durante la Quaresima, questo prodotto, anche se molto piccolo, permetteva loro di mostrare ai loro ospiti la loro prosperità. In questo periodo storico, tutte le spezie venivano importate dall'India. Arrivavano in Europa centrale attraverso la Via della Seta o via mare. Non per niente le spezie venivano pesate in oro a quei tempi. Allo stesso modo, in questo secolo lo zucchero non era ancora disponibile qui, poiché la barbabietola da zucchero è stata scoperta per caso solo molto più tardi. Lo zucchero veniva importato per lo più dai Caraibi sotto forma di canna da zucchero. Noi lo addolcivamo con il miele. Lo stesso vale per le mandorle. Si capisce quindi che nessun comune mortale avrebbe potuto permettersi tali ingredienti. In passato, le spezie esotiche erano ciò che oggi è la foglia d'oro sui cibi che non possiamo permetterci.

Negozio del Museo Thomas Sattler 25 1
Negozio del Museo Thomas Sattler 17 1
Marzizioni ©Thomas Sattler