LA PREGHIERA: IL CUORE DELLA VITA MONASTICA 

 

Il compito più importante dei monaci è la preghiera. Perché "quando preghiamo, mettiamo Dio al primo posto", dice Fratel Josef Beer. Come i suoi confratelli, il monaco benedettino prega a nome di tutte le persone che non possono portare le loro preoccupazioni, paure e necessità davanti a Dio.

Le melodie sono cantate all'unisono e senza accompagnamento strumentale nella cappella del coro del monastero benedettino di Admont. L'uniformità del canto porta "calma e pace nei nostri cuori", come dice Fratel Josef Beer. Diverse volte al giorno, il monaco benedettino incontra i suoi confratelli per pregare insieme nel coro. Questi incontri si tengono solitamente in tedesco. La domenica e nei giorni festivi, i vespri si tengono in latino. Questo perché pregare in una lingua sacra separata ha lo scopo di sottolineare il carattere festivo della preghiera corale e l'unità della Chiesa, che non privilegia alcuna nazione o lingua. La parte principale della preghiera corale consiste nei salmi, "che Gesù ha già pregato", come sottolinea Fratel Josef. La grande importanza della preghiera è stata notata anche da San Benedetto: "Quando sentite il segnale del servizio divino, mettete subito da parte tutto e venite con la massima fretta", dice la Regola di San Benedetto, capitolo 43.1. Per Fratel Giuseppe, presentarsi davanti a Dio in preghiera significa anche farlo a nome di tutti coloro che non possono esprimere da soli i loro bisogni, le loro paure e le loro preoccupazioni: "Ci sono tante persone che non hanno mai sperimentato Dio. Altre hanno questo desiderio nel cuore, ma hanno difficoltà a entrare in dialogo con Dio. Vogliamo presentarci davanti a Dio per queste persone e chiedere le loro preoccupazioni".

Culto e preghiera
Servizio e preghiera con l'abate Gerhard

Conversazioni come con un amico

 

"La preghiera è il cuore della vita monastica. Dà struttura e ritmo a ogni giornata", dice Fratel Josef. I benedettini di Admont si riuniscono alle 06:15 per iniziare la giornata con la veglia e le laudi. La Santa Messa segue alle 07:00 nella chiesa collegiale, la domenica alle 10:00. A mezzogiorno si recitano le Terze, le Seste e le Non, prima che le preghiere si concludano con i Vespri e la Compieta alle 17:45. Almeno quelle che vengono recitate da tutta la comunità, perché "la preghiera personale può sempre avvenire. In qualsiasi momento del giorno e della notte. Non è determinata da un orario fisso o da un contenuto prescritto", dice Fratel Josef. E come funziona? "Come una conversazione con un amico a cui si racconta ciò che si pensa", dice il monaco benedettino.

Per lui, la preghiera contribuisce in modo significativo ad approfondire il rapporto con Dio: "È come un matrimonio o un'amicizia. Quando si ascolta l'altra persona, le si parla e le si dedica del tempo, si diventa più vicini. Ho fatto questa esperienza anche con Dio". Spesso è sufficiente essere presenti, come sottolinea Frater Josef: "A volte mi siedo nella chiesa collegiale, dove sono con Dio nei miei pensieri, senza dire nulla. Anche questa può essere una forma di preghiera". Ci sono quindi molti modi diversi per entrare in relazione con Dio. Perché "le preghiere sono individuali come le persone stesse", dice il monaco benedettino, che sottolinea: "Ogni nostro compito, che svolgiamo con amore e dedizione, può anche essere una forma di preghiera. Perché quando usiamo i nostri doni e talenti, onoriamo Dio usando i suoi doni".

 

Ricerca di Dio

 

Queste preghiere individuali con contenuti personali mostrano anche quanto la fede sia cambiata nel tempo. Se fino a pochi decenni fa le preghiere erano una parte fissa della vita sociale e familiare, oggi sono meno frequenti, "ma sono diventate molto più personalizzate", dice fra Josef. Le preghiere corali nel monastero, invece, continuano a seguire le stesse procedure, che si basano su antiche tradizioni. Molti dei salmi utilizzati sono sopravvissuti per circa duemilacinquecento anni. Uno di questi salmi recita: "O Dio, mio Dio, io ti cerco; la mia anima ha sete di te. Il mio corpo ti cerca come una terra arida e assetata senza acqua. Per questo ti cerco nel santuario, per vedere la tua potenza e la tua gloria". Fra Giuseppe ha un legame particolare con queste frasi: "Mi aiutano sempre a ricordare la mia vocazione", dice. E qual è questa vocazione? "Cercare Dio. Questo è il compito principale di noi monaci". Anche questa ricerca si concluderà con un ritrovamento? "Sì, e con la nostra morte. Allora incontreremo Dio faccia a faccia. Ma già ora Dio è riconoscibile in molti modi", sottolinea il monaco benedettino. Vede la firma di Dio soprattutto "nella natura, quando sono in montagna e posso meravigliarmi della sua creazione. Per me, questo significa essere alla presenza di Dio".